Trump sul muro con il Messico: “È necessario”

Donald Trump parla alla nazione dallo Studio Ovale e dichiara che quella con il Messico è una crisi umanitaria. Il muro "è necessario".

Donald Trump
Donald Trump parla del confine con il Messico e dichiara che il muro "è necessario".

Il Presidente Usa Donald Trump si è espresso ieri sulla questione che riguarda il confine meridionale del Paese. “Una crisi umanitaria e di sicurezza crescente, una crisi del cuore, una crisi dell’animo che i Democratici nel Congresso si sono rifiutati di riconoscere negando ai nostri coraggiosi agenti gli strumenti di cui hanno disperato bisogno per proteggere le nostre famiglie e la nostra nazione”. Così ha parlato Trump alla nazione in un discorso dallo Studio Ovale, che costituisce la forma più ufficiale, inaugurata da Harry Truman nel 1947, per rivolgersi al Paese.

Il Presidente ha espresso ha parlato l’assoluta necessità di costruire una barriera al confine con il Messico. Il Presidente ha sostenuto che l’immigrazione illegale e non controllata fa male agli americani. “Dobbiamo agire subito. Io sono determinato”, ha aggiunto.

Le reazioni

La speaker della Camera dei Rappresentanti di Washington, Nancy Pelosi ha reagito alle parole del Presidente. “Il fatto è che donne e bambini al confine non sono una minaccia alla sicurezza, sono una sfida umanitaria“, ha detto. E ha aggiunto poi che “il fatto è che il presidente Trump deve smetterla di tenere in ostaggio il popolo americano, deve smetterla di fabbricare una crisi e deve far ripartire le attività del governo”.

Le parole di Chuck Schumer

Sul discorso di Trump si è espresso anche il leader della minoranza al Senato di Washington, Chuck Schumer. Schumer ha sottolineato: “Il presidente Trump ha invocato la paura, non ha parlato di fatti. Ha fatto appello alla divisione, non all’unità. Il simbolo dell’America dovrebbe essere la Statua della Libertà, non un Muro alto nove metri”.

L’appello di Sanders

E Bernie Sanders, ex candidato alla Casa Bianca lancia un appello via Twitter: “Presidente Trump, non abbiamo bisogno di crisi artificiali, ne abbiamo abbastanza di reali. mettiamo fine a questo shutdown e uniamo gli americani intorno a un’agenda che migliori la vita di tutti”.