Migranti nascosti nei materassi: volevano andare in Spagna

I due minorenni sono stati scoperti dalla Polizia di frontiera all'interno di un materasso svuotato. Volevano varcare la dogana che separa, via mare, il Marocco e la Spagna.

Migranti nascosti in alcuni m
I due minorenni volevano raggiungere la Spagna

Un uomo di nazionalità marocchina ha cercato di far passare due clandestini alla dogana di Melilla, nascondendoli in alcuni materassi. Nella città autonoma, sita sul suolo africano, i due si era nascosti sul portapacchi dell’automobile per dirigersi verso la Spagna. Il nascondiglio prescelto erano dei materassi svuotati. L’automobilista è riuscito a darsi alla fuga. Poco dopo è stato arrestato. Il personale di dogana, con l’ispezione del mezzo, ha scoperto la strategia adottata dai ragazzi. Nel 2017 a Melilla, per evitare ingressi illegali, si è scelto di investire una somma, pari a 500mila euro, per raddoppiare l’altezza del muro che separa l’enclave dal resto del Marocco.

Il trucco è stato svelato dalla Polizia di frontiera

Gli agenti si sono insospettiti così come spesso accade con pacchi o bagagli in gradi poter contenere un essere umano. La conferma ai loro sospetti ha avuto ragione d’essere dopo aver rimosso i materassi dal tettuccio della vettura. Essi erano stati privati dell’imbottitura interna per nascondere i due migranti. Con il taglio della stoffa è uscito il primo clandestino, apparso spaesato e anche disperato, per la somma spesa nel tentativo di passare la frontiera.

Le fonti di informazione dello Spagna hanno pubblicato un video che mostra l’azione del personale di frontiera. La Polizia ha spiegato che i clandestini stanno bene e sono in buone condizioni fisiche. Il rischio che hanno corso è stato molto alto. I due giovani sono minorenni.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.