Omicidio Khashoggi, spunta un nuovo video sull’uccisione del giornalista

Inizia a prendere forma la dinamica dell'omicidio del giornalista arabo Jamal Khashoggi. L'uomo è stato ucciso nel Consolato arabo a Istanbul.

Jamal Khashoggi
Jamal Khashoggi, giornalista del Washington Post

Arriva un nuovo video sul caso della morte di Jamal Khashoggi. Il giornalista saudita è stato ucciso il 2 ottobre scorso a Istanbul. L’omicidio è avvenuto all’interno del Consolato di Riad. Stando a quanto dichiarato da alcuni fonti turche, nel filmato si vedono degli agenti sauditi, inviati da Riad, intenti nell’uccidere Khashoggi. Hanno avuto accesso nella residenza del Console, per poi uscire con delle borse di plastica. È altamente probabile che, al proprio interno, vi fossero i resti del giornalista. Attuale collaboratore del Washington Post, si era recato nel consolato per completare alcune “pratiche burocratiche”: da allora non si sono più avute sue notizie.

Nuovi dettagli sull’omicidio di Khashoggi

Dalle registrazioni audio è emerso che, all’interno della sede, Jamal Khashoggi sarebbe stato ucciso e poi fatto a pezzi con una sega. Il Consolato si trova a poche centinaia di metri dalla residenza del Console. Nelle registrazioni sono evidenti, e ben visibili, le borse di plastica. Il corpo di Kashoggi, però, non è stato ancora trovato.

La storia del giornalista ucciso a Riad

Dal giorno 2 ottobre 2018 i media internazionali hanno punto la propria attenzione sulla sparizione, in Turchia, del giornalista dissidente. L’Arabia Saudita ha ammesso che l’uomo è morto mentre si trovava nella struttura. Khashoggi è sparito dopo essere entrato nel Consolato arabo a Istanbul. Il 15 novembre la Procura Generale dell’Arabia ha incriminato undici persone con l’accusa di omicidio. Cinque sono ritenuti i responsabili materiali dell’uccisione: chiesta la pena di morte. Le autorità hanno negato un collegamento con il principe ereditario Mohammed bin Salman.

Khashoggi e la dissidenza verso bin Salman

Il giornalista è stato un oppositore del principe accusandolo, sulle colonne del Washington Post, di voler condurre l’Arabia Saudita in un’era di arresti, intimidazioni e paura. Dopo diverse settimane di ricerche, gli inquirenti credono che l’uomo sia stato strangolato e fatto a pezzi da un patologo. Successivamente il corpo è stato sciolto con acido fluoridrico. Tracce della sostanza, infatti, sono state trovate in alcune stanze della residenza del Console.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.