Donald Trump nomina Patrick Shanahan come nuovo segretario della Difesa

Il numero uno della Casa Bianca ha annunciato la nomina di Shanahan tramite il proprio profilo Twitter. L'incarico partirà nei prossimi giorni.

Patrick Shanahan
Patrick Shanahan, Ministro della Difesa americano

Jim Mattis invia la lettera di dimissioni al Presidente degli Stati Uniti Donald Trump scatenando diverse polemiche. Al suo posto, con un anticipo di due mesi, il numero uno della Casa Bianca ha nominato il Ministro della Difesa Patrick Shanahan. L’ex manager della Boeing assumerà, a partire dal primo gennaio, la guida del Pentagono. Un momento molto delicato, quello dell’amministrazione Trump, che giunge a seguito delle dichiarazioni di ritiro dalla Siria e anche dall’Afghanistan.

Shanahan e il momento delicato degli Stati Uniti

La decisione del ritiro, dopo le dimissioni di Mattis, ha provocato anche quella dell’inviato statunitense per la lotta allo Stato Islamico. Si tratta di Brett McGurk. Secondo alcune fonti amministrative Donald Trump ha avviato, nell’immediato, la ricerca del nuovo segretario alla Difesa. Il presidente americano avrebbe sospettato di Mattis in merito a una campagna mediatica avversa. L’incarico di Mattis giunge al capolinea con qualche mese di anticipo: sarebbe dovuto andare via nel mese di febbraio 2019.

Trump e la comunicazione via Twitter

Donald Trump ha successivamente formalizzato la decisione via Twitter. «Patrick ha una lunga lista di successi come vice segretario e precedentemente alla Boeing. Sarà grande». Si allunga la lista dei membri dell’amministrazione Trump che, in meni di due anni, ha dato luogo a decine di dimissioni e licenziamenti. Dopo il capo dello staff, quello dell’agenzia ambientale Epa e l’attorney general, l’ultima nomina ad interim spetta a Shanahan.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.