Slovacchia, liberati i 12 attivisti Greenpeace

Sono stati liberati ma dovranno difendersi dalle accuse penali. Il movimento di Greenpeace evidenzia l'assoluta azione pacifica tenutasi in Slovacchia.

Greenpeace, liberati attivisti in Slovacchia
Gli attivisti di Greenpeace sono stati liberati

Sono stati liberati in Slovacchia i dodici attivisti detenuti. Ad annunciarlo è stata Greenpeace che ha accolto, con favore, la decisione del procuratore generale slovacco nel rilasciarli dopo 146 ore, a seguito di una pacifica protesta in una miniera di carbone. Secondo il procuratore, riferisce l’associazione ambientalista, «non sussistono infatti motivi per la detenzione».

Greenpeace e le accuse rivolte agli attivisti

«Nonostante siano liberi di tornare a casa, gli attivisti – sottolinea Greenpeace – dovranno comunque affrontare delle accuse penali». I dodici avevano esposto uno striscione sulla torre mineraria di una compagnia slovacca che estrae lignite, chiedendo la fine dell’era del carbone. «Sono attualmente accusati di aver messo intenzionalmente in pericolo le attività di un impianto/impresa di utilità pubblica».

Slovacchia, l’idea di una protesta pacifica

«Siamo felici per il rilascio di queste dodici coraggiose persone – commenta Julia Sokolovicova, consulente politica di Greenpeace Central and Eastern Europe – ma è assurdo che possano ancora essere ritenute penalmente responsabili per la loro protesta nonviolenta contro l’industria del carbone».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.