La Lagarde pro coronabond come soluzione eccezionale

La Lagarde pro coronabond come soluzione eccezionale. Lo riporta la Reuters a proposito dell'Eurogruppo della scorsa notte

La Bce ai giudici costituzonali tedeschi:
Christine Lagarde

La Lagarde pro coronabond come soluzione eccezionale. La presidente della Bce Christine Lagarde, nel corso della videoconferenza dell’Eurogruppo della scorsa notte finita con uno stallo su ulteriori misure contro l’impatto economico del coronavirus, avrebbe chiesto di varare i coronabond su base temporanea, una tantum. Lo scrive la Reuters sul suo sito web citando quattro fonti.

La Lagarde pro coronabond come soluzione eccezionale

Lagarde “ha detto che ci dovremmo pensare seriamente, insieme all’uso degli strumenti del Mes. L’Eurogruppo non ha discusso una mutualizzazione del debito in questa fase”, dice una delle fonti. Separatamente, in un altro articolo da Bruxelles la stessa agenzia riporta che la Bce avrebbe richiesto una risposta economica da parte dell’eurozona pari a 1.500 miliardi, ma per l’opposizione di alcuni Paesi nordici la disponibilità si sarebbe fermata a 500 miliardi. No comment dell’Eurotower su questo retroscena, anche se la seconda delle due indiscrezioni viene giudicata poco affidabile. Nelle stime della Bce, infatti, il gap sulla risposta economica europea è molto inferiore: bisogna infatti tener conto delle misure prese dai governi, che ammontano a diverse centinaia di miliardi.