Poste, la pensione si ritira in ordine alfabetico e in anticipo

Si parte già da giovedì 26 marzo, ma in ufficio potrà entrare solo una persona e dotata di mascherina

pensione
Foto: Wikimedia Commons - Autore_ 7fabrizio)

Gli uffici postali sono tra i servizi essenziali che restano aperti anche in questo periodo di emergenza. Per alcuni presentarsi allo sportello è indispensabile: è il caso, ad esempio, di chi ha scelto questa modalità per ricevere la pensione. Evitare i luoghi troppo affollati e gli assembramenti è però un diktat che ci viene ripetuto ogni giorno ed è per questo che sono state introdotte novità importanti per la ricezione della mensilità di aprile.

Novità per la pensione di aprile

In ordine alfabetico a prelevare la pensione per evitare l’assalto agli uffici postali. È una delle strategie adottate da Poste Italiane per evitare occasioni di contagio da Covid19. Ma si cerca di evitare in tutti i modi che ci siano troppe persone agli sportelli.

Le pensioni del mese di aprile saranno accreditate il 26 marzo per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da oltre 7.000 ATM Postamat.

Per chi non può evitare di ritirare la pensione in contanti ecco quindila turnazione specifica. I cognomi dalla A alla B giovedì 26 marzo, dalla C alla D venerdì 27 marzo, dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo, dalla L alla O lunedì 30 marzo, dalla P alla R martedì 31 marzo, dalla S alla Z mercoledì 1 aprile.

Nell’attuale emergenza sanitaria – spiega Poste Italiane – le nuove modalità di pagamento delle pensioni hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti.

Per far sì che tutto vada a buon fine sarà però necessario seguire alcune regole specifiche.

Prima raccomandazione: entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili, indossando possibilmente dispositivi di protezione personale. Altri accorgimenti: entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti e tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici sia nelle sale aperte al pubblico.