Borse in rosso, il Coronavirus ora fa paura: “La crisi economica durerà più del previsto”

Borsa da horror: in apertura il Ftse Mib perde l'11%
La Borsa di Milano

Non si ferma l’altalena delle borse di tutto il mondo. Un segno forte e chiaro dell’instabilità dell’economia globale durante l’emergenza sanitaria del Coronavirus.

Borse: numeri negativi ovunque

Quest’oggi, dopo un timido rialzo ad inizio settimana, le principali borse hanno aperto in rosso. Milano segna un passivo del 2,3% nelle prime battute, in linea con le altre: Londra cede l’1,5%, Francoforte arretra dell’1,8% come Parigi. E fuori dall’Europa le cose non vanno meglio: ieri sera il Dow Jones a Wall Street ha chiuso a -3,58% e quest’oggi rischia un’altra giornata nera, mentre le borse asiatiche anche questa mattina hanno accusato pesanti ribassi. Tokyo è scesa ai minimi da 6 mesi, Hong Kong ha perso il 2,16%, mentre la Piazza di Shanghai si è attestata sul -1,2%. La Banca centrale del Giappone (Boj) – dicono i media locali – sta attualmente studiando nuove misure di sostegno per i settori economici maggiormente colpiti dall’espansione dell’epidemia.

La paura: “durerà più del previsto”

Intano gli esperti del settore si dimostrano più preoccupati del previsto. “Il focus è tutto concentrato sulla diffusione del coronavirus fuori dalla Cina e non vedremo un assestamento dei mercati finché non sarà raggiunto il picco dell’epidemia”, riconosce Susan Buckley, strategist di QIC Ltd. che ha in portafoglio oltre 50 miliardi di dollari. Secondo quanto riporta Repubblica, la Buckley avrebbe dichiarato che la crisi, “Durerà più di quello che la maggior parte di noi si aspettava”.