Coronavirus, il grido di aiuto delle guide turistiche: attività azzerata

Appello al governo: abbiamo bisogno di misure eccezionali di sostegno economico

guide turistiche
Foto: Pixabay

Collasso completo per le 1.500 guide turistiche lombarde con l’impatto dell’emergenza Coronavirus. Lo rileva con grande preoccupazione Confguide-Gitec, l’Associazione delle guide aderente alla Confcommercio milanese.

Abbiamo un crollo verticale delle prenotazioni e un’impennata di disdette – spiega Valeria Gerli, presidente di Confguide-Gitec – con un azzeramento dei servizi per le visite guidate”. Inoltre, per quanto riguarda le visite guidate per le scolaresche che sono state sospese fino al 15 marzo, si prevede che saranno eliminate per recuperare le lezioni perse: questo tipo di visite rappresentano una parte molto importante del lavoro delle guide turistiche e c’è forte preoccupazione tra i professionisti.

Guide turistiche, l’appello al governo

Le guide, in quanto soggetti che operano nella filiera turistica, stanno subendo gravissime ripercussioni sulla loro attività lavorativa: la cancellazione pressoché totale dei servizi di visita guidata già messi in calendario per tutta la stagione primaverile peserà su circa il 50% del loro reddito annuale.

Le guide turistiche – conclude Valeria Gerli, oggi e domani a Roma con la Federazione nazionale per ottenere provvedimenti e indennizzi – devono essere inserite tra i destinatari delle misure eccezionali di sostegno economico”.