Intesa San Paolo, offerta per Ubi Banca

Intesa Sanpaolo ha lanciato un’offerta pubblica di scambio volontaria totalitaria sul capitale di Ubi Banca.

Addio alla banconota da 500 euro
Nessuna ristampa del taglio a partire dal prossimo 27 gennaio

Intesa Sanpaolo ha lanciato un’offerta pubblica di scambio volontaria totalitaria sul capitale di Ubi Banca. In particolare, offrirà infatti 17 azioni di Intesa ogni 10 azioni di Ubi Banca portate in adesione all’offerta. Il premio è quindi del 27,6% rispetto al prezzo ufficiale delle azioni di Ubi alla chiusura del 14 febbraio scorso.

La nota di Intesa San Paolo

L’obiettivo strategico è il rafforzamento della sostenibilità della creazione di valore per tutti gli stakeholder con un’unione basata su modelli di business affini e su valori condivisi. Non presenta quindi complessità significative anche in considerazione della comprovata capacità di Intesa Sanpaolo di realizzare integrazioni”.

Dichiarazioni

L’operazione che annunciamo apre un nuovo capitolo della storia di questo gruppo. Vogliamo infatti unire due eccellenze del nostro sistema bancario – Intesa Sanpaolo e Ubi Banca – per dare vita a una nuova realtà leader nella crescita sostenibile e inclusiva. La banca che nascerà dall’integrazione tra Intesa Sanpaolo e Ubi potrà essere uno dei leader del sistema bancario europeo. L’ammontare degli impieghi sarà di circa 460 miliardi di euro; il risparmio che gli italiani affidano alla nuova banca supererà il valore di 1,1 trilioni di euro, i ricavi saranno pari a 21 miliardi di euro: queste cifre esprimono tutta la forza dell’economia italiana, le capacità del nostro sistema imprenditoriale e la solidità del patrimonio delle nostre famiglie”. Lo afferma in una nota il Consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.