Benzina e diesel, calano i prezzi: “merito” del Coronavirus

Si registra un calo della domanda addirittura del 20%

benzina e diesel
Foto: Pixabay

Buone notizie per gli automobilisti, in modo particolare per chi è abituato a macinare chilometri quotidianamente per raggiungere il proprio posto di lavoro o di studio. I carburanti, sia benzina sia diesel, hanno infatti subito una flessione nei prezzi, che consentirà magari, a chi non lo avesse ancora fatto, di fare rifornimento con una spesa ridotta.

Sulla rete italiana Eni e Q8 hanno infatti ridotto la benzina e il diesel di 1 centesimo, mentre le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo hanno chiuso in discesa. Stando all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale della benzina self service è di 1,574 euro al litro. Il prezzo medio praticato del diesel è invece a 1,466 euro al litro.

La situazione potrebbe però non essere definitiva. Per i primi giorni della prossima settimana, inoltre, Figisc e Anisa Confcommercio segnalano addirittura la possibilità di ulteriori ribassi dell’ordine degli 0,5-0,7 centesimi al litro.

Il ruolo del Coronavirus

Ma a cosa si deve questa situazione così positiva per i consumatori? A sorpresa, parte del “merito” è anche del Coronavirus. Come indicano gli analisti di Bloomberg, infatti, la domanda di petrolio avrebbe subito un brusco calo del 20%.

La Cina risulta essere proprio il maggior importatore mondiale di petrolio, dopo aver superato gli Stati Uniti nel 2016 e consuma oggi circa 14 milioni di barili al giorno