Energia, nel 2020 cala la bolletta della luce ma cresce quella del gas

Arriva l'annuncio dell'Autorità per l'energia in vista del nuovo anno: il risparmio calcolato per le famiglie-tipo è di circa 16 euro per lʼenergia elettrica e di circa 109 per il gas

energia
Foto: Pixabay

Il nuovo anno è ormai alle porte e uno dei timori che si ripresenta quasi normalmente è quello di ritrovarsi a dover affrontare un vero e proprio salasso a causa delle varie bollette da pagare. Questo, almeno per quanto riguarda l’energia, sarà vero solo in parte. In base a quanto riportato dall’Autorità (ARERA), nel 2020 sarà registrata infatti una riduzione dei prezzi dell’elettricità del 5,4%, mentre il gas segnerà un aumento dello 0,8%.

Come saranno le bollette nel 2020?

Riuscire a gestire le spese richieste per le varie utenze della casa non è mai semplice, ma un live miglioramento sembra essere in arrivo a partire dal nuovo anno. E’ prevista infatti una riduzione dei prezzi dell’elettricità del 5,4% e un aggiustamento per il gas dello 0,8%. Questa situazione, come ha precisato l’ARERA, è dovuta “calo del fabbisogno per gli oneri generali, dal contenimento delle tariffe regolate di rete e dalle basse quotazioni delle materie prime nei mercati all’ingrosso“.

Una piccola boccata di ossigeno quindi per le famiglie, a cui sarà garantito “un risparmio per la famiglia tipo di 125 euro” nei 12 mesi da aprile 2019 a marzo 2020.

Secondo l’Arera, infatti, “per l’elettricità la spesa nell’anno scorrevole (compreso tra il primo aprile 2019 e il 31 marzo 2020) sarà di 544,2 euro, con una variazione del -2,9% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° aprile 2018 – 31 marzo 2019), corrispondente a un risparmio di circa 16 euro/anno. Nello stesso periodo, la spesa per la bolletta gas sarà di circa 1.040 euro, con una variazione del -9,5% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un risparmio di circa 109 euro/anno”.

Rinviato il passaggio definitivo al mercato libero

Proprio la recente approvazione del decreto Milleproroghe ha segnato una novità importante per tutti gli utenti. Si è infatti deciso il rinvio per il passaggio definitivo al mercato libero, che avrebbe dovuto scattare a partire dal 1° luglio 2020, mentre sarà possibile usufruire del regime di maggior tutela fino al 31 dicembre 2021. Una novità importante, che era stata fortemente caldeggiata dall’ARERA nel tentativo di preservare gli interessi degli utenti. il timore dell’Autorità era infatti quello che i fornitori potessero mettere in atto un aumento (magari “mascherato” delle tariffe) per cercare di accaparrarsi nuovi clienti).

Questo consentirà così a chi non lo avesse ancora fatto di valutare al meglio quello che propongono i vari operatori attivi sul mercato e solo quando avranno trovato una proposta che sembra essere adatta alle proprie esigenze di consumo optare per l’adesione. Sin da ora sono già comunque disponibili diverse offerte con le caratteristiche tipiche del mercato libero: ognuno può quindi sottoscrivere un contratto in modo gratuito con la garanzia di andare incontro a un prezzo bloccato per un periodo determinato di tempo. Ma qualora non si dovesse essere soddisfatti si potrà effettuare una scelta differente senza alcun onere a carico nè rischi di andare incontro a una disattivazione dal servizio.