Mes, fondo salva stati: raggiunto l’accordo

E' stata raggiunta l'intesa sul Mes, il fondo salva-stati, nella notte. Fonti del M5S si sono dette soddisfatte per l'accordo raggiunto

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

E’ stato raggiunto nella notte l‘accordo sul Mes, il fondo salva stati, all’interno della maggioranza. A confermarlo sono fonti del M5S, prima ancora dell’intervento ufficiale del premier Conte alle Camere.

L’intesa sul Mes

Esponenenti del Movimento hanno fatto sapere di essere “Soddisfatti per la risoluzione di maggioranza che prevede le modifiche richieste dal Movimento”. Ma a gennaio è atteso un nuovo round, in vista della riunione dell’Eurogruppo. ma quello che è certo, ribadiscono i Cinquestelle, è il “pieno coinvolgimento del Parlamento” in tutti i passi riguardanti il Mes. Infatti, spiegano, “ogni decisione verrà presa ascoltando le Camere, non firmeremo nulla al buio”.

Le modifiche

Rispetto alla bozza che circolava nelle ultime ore, il testo sarebbe stato “molto semplificato”, nell’ultimo incontro, che si è concluso intorno alle 2.30 di questa notte. Viene mantenuta la logica del pacchetto Mes, Bicc, Unione bancaria, ma sarà adottata in maniera “progressiva”. Però i Cinquestelle restano cauti: “Sul Mes stiamo ancora discutendo e ultimando i punti da dirimere“, spiegano.

Nessuna menzione alle clausole CACS, sulla ristrutturazione del debito. Al contrario, si chiede di “escludere interventi di carattere restrittivo sulla detenzione di titoli sovrani da parte di banche ed istituti finanziari e comunque la ponderazione dei rischi dei titoli di stato attraverso la revisione del loro trattamento prudenziale”.