Ex Ilva: incontro a palazzo Chigi “costruttivo”

Per ArcelorMittal l'incontro di ieri a Palazzo Chigi per discutere dell'ex Ilva è stato costruttivo, ma non è dello stesso parere il segretario Uilm

L’incontro avvenuto a Palazzo Chigi per discutere delle soluzioni al nodo dell’ex Ilva è stato “costruttivo”. Almeno secondo il punto di vista di ArcelorMittal, che così lo ha definito in una nota. “Le discussioni continueranno con l’obiettivo di raggiungere al più presto un accordo per una produzione sostenibile di acciaio a Taranto”, ha poi fatto sapere l’azienda.

Le parole del segretario Uilm sull’ex Ilva

Ma non sembra del tutto d’accordo il segretario generale Uilm, Rocco Palombella. Il quale sostiene che “l’incontro di ieri non ha portato a nessuna novità e passi in avanti concreti”. “Ora ci aspettiamo che ArcelorMittal ricominci ad approvvigionare gli stabilimenti con materiali di qualità per evitare una chiusura che altrimenti sarebbe inesorabile”, prosegue. Devono ripartire immediatamente anche le attività di manutenzione e gli interventi di ambientalizzazione“,dichiara poi. “Si deve partire dall’accordo del 6 settembre 2018 che ha avuto il consenso del 93% dei lavoratori e che è l’unico che garantisce risanamento ambientale, tutela livelli occupazionali e continuità industriale”, spiega ancora Palombella.

Infatti, sottolinea, “È intollerabile che le multinazionali in Italia arrivano, firmano accordi e il giorno dopo li cestinano mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro e settori fondamentali per il nostro Paese”.Al momento non siamo stati ancora convocati dal governo e non conosciamo le azioni che vorrà intraprendere“, dice. “Noi rimaniamo contrari a qualsiasi atto che preveda esuberi, il blocco del risanamento ambientale, la riduzione dei salari dei lavoratori e ipotetici piani di riconversione diluiti nel tempo che non avrebbero modo di essere messi in pratica”, conclude poi.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.