Abolizione del canone Rai, ecco chi è contrario alla proposta M5s

Qualcuno si è dichiarato contrario all'abolizione del canone Rai proposto dalla deputata Maria Laura Paxia. Si tratta della stessa società.

Abolizione canone Rai

Qualcuno si è dichiarato fermamente contrario all’abolizione del canone Rai proposto dalla deputata pentastellata Maria Laura Paxia. Si tratta della stessa società, rappresentata dall’amministratore delegato Fabrizio Salini, che sostiene che il servizio pubblico è già penalizzato. La parlamentare aveva spiegato di volere abolire il canone per permettere al servizio pubblico “di avere un bilancio e di lavorare bene”.

Abolizione del canone Rai

Paxia ha spiegato che l’obiettivo della sua proposta di legge è quello “di equiparare la Rai alle televisioni private. Niente canone ma accesso libero alla pubblicità senza i limiti in vigore oggi. Ritengo giusto che l’Azienda pubblica punti sulla qualità del servizio non potendo più finanziare i maxi stipendi con i soldi dei cittadini“. Pronta la risposta della Rai, che ha giudicato impraticabile la strada che porta all’abolizione del canone.

Il consigliere Riccardo Laganà ha spiegato che “inserendo il sostegno alla Rai nella fiscalità generale la si renderebbe dipendente dai governi di turno, asservita alle decisioni politiche e loro strumento di propaganda. Il canone certo è garanzia di indipendenza economica dunque politica”.

Il Movimento 5 Stelle, per quanto riguarda l’abolizione, può contare sul sostegno del ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. Quest’ultimo ha definito infatti il canone come anacronistico. La pensa così anche Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva e membro della commissione di vigilanza Rai.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.