Hai preso una tv prima di questa data? Male, ora la devi cambiare

Se avete preso una tv prima del 2017, entro il 2020, dovrete cambiarla. Tra il 2020 e il 2022 il "nuovo" digitale terrestre, infatti, sarà visibile con una nuova modalità.

Bisognerà cambiare tv dopo la
Bisognerà cambiare tv dopo la "rivoluzione" del 2020

La tecnologia, da sempre, è una ruota che continua a girare ed è difficile procedere al suo passo. Se avete preso una tv prima del 2017, entro il 2020, dovrete cambiarla. Tra il 2020 e il 2022 il “nuovo” digitale terrestre, infatti, sarà visibile con una nuova modalità. Si passerà dalla DVBT1 (Digital video broadcasting) alla tecnologia DVBT2.

La “colpa”, come riporta Il Giornale, è del 5G, il nuovo sistema di trasmissione dati che consentirà di utilizzare la connessione alla rete a una velocità straordinariamente veloce, dando così inizio a una nuova fase dell’era internet.

Hai preso una tv prima di questa data? Male, ora la devi cambiare

La rivoluzione riguarda anche il digitale terrestre, che ha soppiantato da anni il segnale analogico. In pratica ora succederà qualcosa di analogo a quello che è successo a partire dal 2000, quando tutti abbiamo dovuto dotarci di un nuovo decoder. Come detto, infatti, per continuare a seguire tutti programmi di Rai, Mediaset e Rai, e i contenuti trasmessi dalle tv a pagamento, servirà un televisore adeguato al passaggio dal DVBT1 a DVBT2.

Se il proprio televisore o decoder è stato prodotto dopo il 2017, basterà fare una semplice risintonizzazione dei canali. Si potranno usare le TV antecedenti al 2017 solo se si acquisterà un decoder DVBT2. Ovviamente, il passaggio, come nel 2000, sarà graduale, per cui non occorre precipitarsi nei supermercati dal primo gennaio 2020. Ci saranno circa 2 anni di tempo per provare a stare al passo della ruota della tecnologia.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.