Fondo monetario internazionale: “Italia in crescita zero nel 2019”

Il Fondo Monetario Internazionale nel World Economic Outlook fissa a +0,0% l'andamento del Pil italiano nel 2019.

Fmi:
Fmi: "Per l'Italia crescita zero"

Il Fondo Monetario Internazionale nel World Economic Outlook fissa a +0,0% l’andamento del Pil italiano nel 2019. Dunque, ancora una volta, le stime di crescita per l’Italia sono state di nuovo viste a ribasso. Alla base delle revisioni, racconta l’Adnkronos, l’andamento dei consumi privati, uno stimolo fiscale ridotto e uno scenario internazionale più debole.

Italia in crescita zero nel 2019″

Il deficit secondo la stima di Fmi quest’anno dovrebbe essere pari al 2,0% del Pil per poi risalire il prossimo anno al 2,5% e al 2,6% nel 2021. Dal World Economic Outlook emerge una corrispondente crescita del rapporto debito/pil che quest’anno dovrebbe confermarsi al valore del 2018 (132,2%) per poi salire al 133,7% nel 2020 e toccare il massimo del 134% nel 2021.

La soluzione? I paesi con un debito pubblico elevato, come per esempio l’Italia, dovrebbero “ricostruire gradualmente buffer fiscali al tempo stesso tutelando gli investimenti. Un impegno credibile in un percorso di riduzione del debito nel medio termine è particolarmente cruciale per l’Italia, con un debito e un fabbisogno di finanziamento elevato. Sse la crescita dovesse indebolirsi in modo significativo, i paesi con spazio fiscale dovrebbero usarlo più attivamente. Parallelamente il risanamento di bilancio potrebbe essere temporaneamente modificato nei paesi in cui lo spazio fiscale è minore, a condizione che le loro condizioni di finanziamento rimangano favorevoli e la sostenibilità del debito non sia compromessa”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.