Nuova tassa sui cellulari: ecco come funziona

Nella manovra economica potrebbe essere compresa anche una nuova tassa sulle sim dei cellulari, in particolare le sim buisness

Una nuova tassa sui cellulari potrebbe essere l’ultima trovata del governo per recuperare i fondi necessari alla manovra economica 2020.

La nuova tassa sui cellulari

La misura che riguarda le aim degli smartphone sarebbe entrata già nella bozza della manovra. Secondo Il Giornale, consisterebbe in una tassa da 13 euro sulle schede business, che colpirebbe professionisti e piccoli imprenditori, che hanno la necessità di usare il cellulare per lavoro. In aggiunta, verrebbe abolita l’imposta di concessione sugli abbonamenti. E in totale, nei prossimi tre anni, la misura porterebbe nelle casse dello Stato circa 750 milioni di euro. L’idea parebbe essere tutta del Partito democratico, tanto che il viceministro Cinquestelle Laura Castelli ha dichiarato che la misura “preoccupa molto”.

Insomma, l’esecutivo comincia con questa manovra a mostrare le prime crepe in una compagine che non è mai stata particolarmente compatta.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.