Brunetta: “L’Italia non può permettersi un nuovo aumento di deficit”

Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia, ha dichiarato che "la finanza pubblica non guarda agli intrecci politici, ma ai numeri".

Renato Brunetta
Renato Brunetta

Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia, ha dichiarato che “la finanza pubblica non guarda agli intrecci politici, ma ai numeri”. E “quelli dell’Italia dicono che il nostro Paese non può permettersi un nuovo aumento di deficit”. “Ma è credibile che la Commissione conceda altri sconti al nostro Paese?” si chiede Brunetta -. Certamente, questo Esecutivo sente di vantare un credito nei confronti dell’Europa, per essere riuscito a ridimensionare il pericolo Lega, che per le cancellerie europee era un vero e proprio spauracchio.

Tuttavia, “il problema è che la finanza pubblica e privata non guarda agli intrecci politici ma ai semplici numeri. E quelli dell’Italia dicono semplicemente che il nostro Paese non si può permettere di aumentare nuovamente il deficit e, di conseguenza, il debito pubblico. Inoltre, sono le stesse regole europee a stabilire un percorso di miglioramento dei conti pubblici degli Stati membri, soprattutto a quelli con alto debito”.

“Per quale motivo la Commissione, in piena violazione di queste regole, dovrebbe concedere all’Italia un deficit che anziché ridursi aumenta di nuovo? – chiede ancora Brunetta -. I paesi del Nord Europa sono alle prese con una crescente crisi economica e con una crescita delle forze nazionaliste che chiedono più rigore nei confronti dei paesi ritenuti più ‘spendaccioni’ come quelli del Sud Europa. Credere che i loro leader politici siano disposti a fare un regalo all’Italia, dando il pretesto ai loro avversari di attaccarli sul delicato terreno della solidarietà europea, è pura utopia“.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.