Acconto Imu e Tasi: ultimi giorni per saldare la prima rata, quanto si paga

Per i 25 milioni di proprietari di immobili, mancano pochi giorni al 17 giugno, giorno limite per versare l'acconto della prima rata di Imu e Tasi.

Nuova Imu e nuova Tasi
Nuova Imu e nuova Tasi

Mancano pochi giorni al 17 giugno, giorno limite per versare l’acconto della prima rata di Imu e Tasi. I 25 milioni di proprietari di immobili si devono dunque sbrigare. Entro il 17 giugno dovrebbero entrare nelle casse dello stato 10,2 miliardi di euro. A fine anno, poi, con la seconda rata di Imu e Tasi la cifra salirà a 20,5 miliardi.

Acconto Imu e Tasi

Stando ai calcoli del Servizio Politiche Territoriali della Uil, la seconda casa in un capoluogo di provincia costerà in media 535 euro di acconto. Il totale sarà invece di 1070 euro. Tuttavia i proprietari di immobili nelle grandi città potrebbero sborsare anche cifre che si avvicinano ai 2000 euro.

La segretaria confederale della Uil, Ivana Veronese, ha spiegato che si prendono in considerazione i costi di Imu e Tasi sulle prime case considerate di lusso. Dovranno pagarle, infatti, i proprietari di abitazioni signorili, i proprietari di ville e di castelli. in questo caso il costo in media girerà intorno ai 2.610 euro (1.305 euro con l’acconto). Ma c’è anche chi arriverà a pagare anche 6 mila euro.

Quanto si paga

Per quanto riguarda il primo pagamento, si potrà evitarlo per poi saldare in ununica soluzione il prossimo 16 dicembre. Ogni famiglia ha speso in media circa 1.340 euro tra Imu, Irpef comunale e Tari. Roma risulta essere la città con la pressione fiscale maggiore.

L’Imu è l’Imposta municipale propria che si versa per il possesso dell’immobile. La Tasi è il Tributo per i servizi indivisibili, tributo che va versato al Comune per garantire quei servizi erogati dall’ente e utilizzati da tutti i cittadini.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.