Oliviero Toscani e Del Debbio, lo scontro tv: “Non rompere le palle”

Tensione in studio a 'Dritto e Rovescio', quando si sono scontrati in un acceso botta e risposta Oliviero Toscani e Paolo Del Debbio.

Tensione in studio a ‘Dritto e Rovescio’, quando si sono scontrati in un acceso botta e risposta Oliviero Toscani e Paolo Del Debbio. “Lei si occupi di fare le fotografie che la televisione la faccio io” ha detto il conduttore. “Ti scegli la tua claque” ha però ribattuto Oliviero Toscani che non era in studio ma in collegamento televisivo. Le sue parole erano andate a commentare la reazione del pubblico. “Non rompere le palle” esplode dunque Del Debbio. E Toscani chiosa: “Non si può avere un’opinione diversa dalla tua”.

Oliviero Toscani e Del Debbio, scontro tv

Durante l’ultima puntata di Dritto e rovescio si stava parlando di immigrazione (e di cosa se no?). Ospite in collegamento alla trasmissione in onda su Rete 4 condotta da Paolo Del Debbio, c’era Oliviero Toscani, fotografo dei Benetton e immigrazionista convinto.

Toscani si è dimostrato quasi subito molto infastidito dagli applausi ironici del pubblico nei suoi confronti e dai continui fischi. Quindi ha attaccato il conduttore: “Lì c’è un battimani perché sicuramente viene scelta la gente in un certo modo“. Del Debbio, non gradendo per nulla l’affermazione del fotografo, ha quindi risposto: “Lei si occupi di fare le fotografie, ché della televisione me ne occupo io.

Del Debbio ha infine sottolineato che nessuno ha costretto Toscani a intervenire in collegamento alla puntata: “Ma pensa te se devo aver la lezioncina”. Toscani però non ha voluto indietreggiare di un millimetro, insistendo sulla tesi che il pubblico sarebbe stato orientato a favore del conduttore. Del Debbio quindi sbotta: “Ma vai a fare le fotografie e non rompere le palle.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.