Luca Parmitano torna nello spazio: in partenza la Missione Beyond

Parte oggi la missione spaziale Beyond che porterà in orbita per la seconda volta l'astronauta italiano Luca Parmitano, e durerà per sei mesi

Luca Parmitano
Luca Parmitano

E’ fissata per le 18.28 (ora italiana) del 20 luglio la partenza della missione spaziale Beyond, che porterà in orbita per la seconda volta l’astronauta italiano Luca Parmitano. Una data storica, che coincide con il 50esimo anniversario dello Sbarco sulla Luna, avvenuto il 20 luglio 1969.

La partenza di Luca Parmitano

Parmitano partirà con gli altri membri dell’Expedition 60/61: l’astronauta della Nasa Drew Morganed il comandante Alexander Skvortsov della russa Roscosmos. I tre partiranno dal cosmodromo di Baikonur e si dirigeranno verso la Stazione Spaziale Internazionale dove giungeranno dopo circa 6 ore di viaggio.

La capsula a bordo di cui Parmitano tornerà nello spazio è la Soyuz MS-13, e questa per lui sarà la seconda missione di lunga durata sulla ISS. Nel 2013 infatti l’astronauta era stato in orbita per 166 giorni. Con lui ci saranno anche Skvortsov, alla sua terza missione spaziale, e Morgan, per cui invece sarà la prima volta nello Spazio.

L’obiettivo della missione Beyond

L’obiettivo della missione Beyond è quello di condurre ricerca scientifica. Il nome stesso, che significa “oltre”, indica la volontà di spingere lo sguardo oltre i confini della Terra per ampliare le conoscenze. Sono circa 300 gli esperimenti scientifici che verranno condotti nei sei mesi della missione. Ai primi di ottobre, Parmitano sarà il primo italiano a diventare comandante della Stazione spaziale, e potrebbe essere coinvolto in attività extraveicolari. Alcune di queste “passeggiate spaziali” saranno dedicate alla manutenzione dell’Alpha Magnetic Spectometer (AMS).

L’attività di ricerca

Sono circa 300 gli esperimenti che Luca Parmitano compirà nei 6 mesi della missione. Da metà ottobre, Luca Parmitano diventerà il primo italiano comandante della stazione spaziale. Potrebbe inoltre essere coinvolto in una serie di esperimenti extraveicolari. In particolare, queste “passeggiate spaziali” riguarderanno la manutenzione dell’Alpha Magnetic Spectometer. Si tratta di un “cacciatore di antimateria” e perciò uno degli esperimenti di astrofisica più importanti. In generale, tutti e tre gli astronauti saranno impegnati a svolgere esperimenti in assenza di gravità: esperimenti che invece non si potrebbero fare sulla Terra.

Parmitano in particolare si occuperà di ambiti di ricerca come “la fisiologia umana, la fisica, la biologia e le radiazioni, oltre ad effettuare dimostrazioni tecnologiche che potrebbero definire il nostro modo di vivere e lavorare”, fa sapere l’Esa. Tra gli esperimenti europei c’è l’Analog-1. Si tratta di un esperimento che, come spiega l’Agi, “mette alla prova possibili scenari futuri in cui gli astronauti, in orbita intorno a pianeti e lune distanti, potranno istruire i robot a svolgere compiti difficili e ad allestire una base prima dell’atterraggio dell’uomo”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.