Tinto Brass ricoverato in terapia intensiva: aggravato il suo stato di salute

Si è aggravato lo stato di salute di Tinto Brass, il maestro del cinema erotico italiano, è stato ricoverato d'urgenza all'ospedale Sant'Andrea di Roma.

Tinto Brass salute
Tinto Brass e Clauda Koll

Si è aggravato lo stato di salute di Tinto Brass, il maestro del cinema erotico italiano. Durante la mattinata di mercoledì 10 luglio, è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale Sant’Andrea di Roma. Il regista è stato colpito improvvisamente da una forte febbre. Adesso si trova ricoverato in terapia intensiva. La prognosi rimane per il momento riservata.

Tinto Brass, si aggrava la sua salute

A dare l’allarme la moglie Caterina Varzi, sposata con Tinto Brass da due anni. “Fino all’ora di cena tutto bene. Poi gli è salita la febbre e alla fine ho dovuto chiamare un’ambulanza perché stava male”, ha raccontato la moglie a Il Corriere della Sera. “Ora i medici stanno facendo alcuni accertamenti. Si tratta di un momento delicato e deve stare sotto osservazione“. Il celebre regista già nel 2010 era stato colpito da un ictus.

Tinto Brass è nato a Milano il 26 marzo 1933. Ha lavorato negli anni ’50 a Parigi come archivista presso la Cinematheque Française. Poi i primi passi nel mondo del cinema. Prima come aiuto regista di Alberto Cavalcanti, di Joris Ivens e infine di Roberto Rossellini per India e Il generale Della Rovere.

Tra i titoli più importanti della sua filmografia si può ricordare Caligola (1980), film ambientato nella Roma antica. Poi ci sono Paprika con Debora Caprioglio, Fermo posta Tinto Brass (1995), Così fan tutte, con Claudia Koll e Trasgredire. In molti dei suoi film il regista si è anche calato nei panni dell’attore recitando in piccole parti. Sempre il Corriere comunica Tinto Brass stava lavorando adesso a una nuova versione di Paprika.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.