Maturità 2019, crediti formativi: calcolo, tabella di conversione e bonus

Con la maturità 2019 cambieranno anche le regole in merito all'attribuzioen dei crediti formativi, di cui cambia il calcolo. Previsti anche 5 punti di bonus

Maturità 2020: materie seconda prova
Maturità 2020: materie seconda prova

Mancano solo due giorni all’avvio della maturità 2019. Oltre ai normali interrogativi che riguardano la prima prova e la seconda, che quest’anno sarà particolarmente impegnativa perché riguarderà più materie di indirizzo, tra gli studenti serpeggiano i dubbi sui crediti formativi.

I crediti formativi sono quei punti che gli studenti hanno accumulato durante gli ultimi tre anni di scuola superiore grazie alla media dei voti. Questi punti si sommeranno poi a quelli ottenuti durante le prove dell’esame di maturità. Quest’anno, le regole di calcolo dei crediti sono un po’ diverse, perché il conteggio è stato influenzato dalla riforma con novità tra le quali un bonus di 5 punti da attribuire in particolari circostanze.

Maturità 2019: il calcolo dei crediti formativi

Quest’anno, con l’eliminazione della terza prova d’esame, sono stati rivisti tutti i punteggi attribuiti alle prove. L’orale passa da 30 punti a 20, che sommati ai 15 rimasti dall’eliminazione della terza prova fanno un totale di 25 punti. Questi sono distribuiti tra le due prive scritte, che raggiungono un totale di 20 punti ciascuna, e i crediti formativi, che assumono una rilevanza particolare perché arrivano a un massimo di 40.

I crediti si calcolano in base alla media scolastica. Il Ministero ha stabilito 5 fasce di media scolastica, all’interno delle quali gli studenti ottengono un numero minimo o massimo di crediti secondo la tabella che segue (fonte: Scuolazoo)

Terzo annoQuarto annoQuinto anno
Media del 67-88-99-10
Media del 6/78-99-1010-11
Media del 7/89-1010-1111-12
Medi dell’8/910-1111-1213-14
Media del 9/1011-1212-1314-15

La tabella di conversione dei crediti per l’Esame di Stato

Questa tabella però vale per chi ha iniziato il triennio nell’A.S 2018/2019. I maturandi 2019 però hanno acquisito parte dei crediti quando ancora erano calcolati in maniera diversa. Perciò il Miur ha messo a disposizione una tabella di conversione dei crediti formativi, cher permettono ai candidati della maturità 2019 di avere un numero di crediti proporzionato. Questi crediti andranno poi sommati a quelli acquisiti nell’ultimo anno.

Crediti di terzo e quarto anno sommatiQuanti diventano
615
716
817
918
1019
1120
1221
1322
1423
1524
1625

I crediti bonus

Oltre ai crediti ottenuti con le prove scritte e con l’orale e durante gli anni scolastici, la Commissione esaminatrice, guidata dal Presidente di Commissione, potrà decidere di assegnare da 1 a 5 punti di bonus. Poiché con il massimo punteggio nelle prove scritte, all’orale e con i crediti già si raggiunge la quota di 100 punti, che è il massimo voto, il bonus scatterà per il raggiungimento della lode. Ci sono dei requisiti da rispettare, per ambire a ottenere i 5 crediti bonus. Il candidato infatti dovrà ottenere il massimo punteggio in tutte e tre le prove d’esame, e presentarsi con 40 crediti formativi, il massimo. Ma in palio ci sono un premio di 450 euro e l’iscrizione all’albo delle eccellenze del Miur, da cui attigono risorse le Università e le aziende.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.