Linciaggio italiani a New Orleans: la città chiederà scusa all’Italia dopo 128 anni

New Orleans chiederà ufficialmente scusa all'Italia per il linciaggio di 11 italiani avvenuto nel 1891, in un clima fortemente asvverso agli italiani

linciaggio degli italiani a New Orleans
linciaggio degli italiani a New Orleans, nel 1891, ora la città chiederà scusa all'Italia

Il Comune di New Orleans chiederà scusa all’Italia per il brutale linciaggio di 11 italiani del 1891, una delle pagine più buie della storia americana e in assoluto il più grave atto di giustizia sommaria mai perpetrato negli Usa. Sarà il sindaco della città La Toya Cantrell a farsi carico delle scuse ufficiali, che verranno porte in un centro culturale italo americano nella parte bassa della città. I

Il clima della strage

l clima in cui maturò quella vera strage è poco noto ai più. Alla fine del diciannovesimo secolo, nel comune sentire degli americani di terza generazione di ceppo anglosassone e francofono, gli italiani erano considerati dei veri rifiuti umani, molto peggio degli stessi neri e perfino degli esecrati cinesi, a cui gli americani deputavano lavori estenuanti come la costruzione delle rotaie delle grandi tratte ferroviarie che stavano intersecando quell’immenso paese.

L’episodio

Dei dieci milioni di “mozzarellanigger” (negri che mangiano mozzarella, ma nel sud degli States ci chiamavano anche “Chianti” o “Dagos”), che in quegli anni emigrarono negli Usa, una fetta robustissima, per lo più siciliani, raggiunse la Louisiana e New Orleans. Su di loro le vignette razziste non si contavano e gli episodi di intolleranza armata erano all’ordine del giorno. Episodi sui quali la stampa per lo più taceva. Nel 1890 il capo della polizia di New Orleans, Dave Hennesey, incappò in un agguato e morì. I poliziotti, a corto di piste investigative concrete, non ebbero dubbi e cercarono i killer all’interno della comunità italiana. Vennero arrestate centinaia di persone con metodi spicci, violenze e senza alcuna garanzia giuridica. Da essi venne poi scremato un gruppo nutrito che andò sotto processo l’anno dopo. Ma il verdetto per tutti fu di innocenza; solo per tre non si arrivò a poter fissare un pronunciamento certo.

Una folla inferocita

Sta di fatto che quando gli italiani vennero scarcerati una folla inferocita di migliaia di persone li aspettò al varco e, in Canal Street, ne uccise a pistolate o ne impiccò undici. Si trattava di italo americani e di italiani presi a caso negli slums della “Nouvelle Orleans” e la loro uccisione era passata per decenni in sordina, anche nei libri di storia del dopo guerra, che con il Piano Marshall in azione non volevano offendere la sensibilità dei nuovi e munifici benefattori dell’Italia post fascista.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.