Si moltiplicano i ricorsi contro i brutti voti in pagella: i genitori si rivolgono al Tar

Si stanno moltiplicando i ricorsi contro i brutti voti. I genitori degli scolari, qualche volta, si sono ricorsi al Tar.

Brutti voti a scuola, aumentano ricorsi Tav
Brutti voti a scuola, aumentano ricorsi Tav

Si stanno moltiplicando i ricorsi contro i brutti voti. I genitori degli scolari, qualche volta, si sono ricorsi al Tar. A suggerire ai genitori come ci si dovrebbe comportare è Manfredo Atzeni, presidente del Tribunale amministrativo toscano.

E’ impossibile – ha dichiarato – valutare a posteriori la congruità di un giudizio che presuppone un’esperienza di vita in comune durata un anno”. E non finisce qui, secondo Atzena “troppo spesso le impugnazioni si basano sul presupposto che l’offerta formativa non è stata sufficiente e per questo l’alunno deve essere promosso. Ma in questo modo si usa il meritevole sforzo del legislatore per aiutare chi presenta difficoltà obiettive come strumento per consentire a chi non si dedica allo studio di ottenere il pezzo di carta senza esserselo meritato”.

Accettare le decisioni dell’autorità

Atzeni non è certo il primo a denunciare un aumento di ricorsi. Ci aveva già pensato Alessandro Pajno all’inaugurazione dell’anno giudiziario amministrativo: “C’è una difficoltà di accettare la decisione dell’autorità che trova ulteriore espressione nei ricorsi con cui talvolta i genitori contestano la bocciatura dei propri figli a scuola”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.