La Fase 2 si avvicina: servirà l’autocertificazione?

Le misure saranno allentate in modo graduale, sarà necessario spostarsi con la massima cautela

Fase 2 autocertificazione
Foto: Pixabay

In Fase 2 cosa ne sarà dell’autocertificazione? Il conto alla rovescia in vista di quel momento, che dovrebbe prendere il via a partire dal prossimo 4 maggio. Anche in questo frangente dovremo avere con noi l’autocertificazione per gli spostamenti? Al momento il governo non ha ancora comunicato ufficialmente se davvero tra poco più di una settimana ci sarà l’allentamento delle misure restrittive, ma quasi sicuramente la risposta sarà negativa. Uno dei documenti più discussi dell’ultimo periodo, a causa anche dei frequenti cambiamenti, potrebbe quindi finire definitivamente nel cassetto.

Fase 2 autocertificazione – Cosa ne sarà del documento?

La ripresa sarà certamente graduale e caratterizzata da più fasi, ma pur dovendo mantenere il rispetto delle norme di sicurezza quasi certamente non sarà necessario avere con sè l’autocertificazione.

In attesa di maggiori certezze, è comunque possibile, anche sulla base dell’andamento dell’epidemia, fare qualche possibile previsione. Come riporta Il Messaggero, appare scontato che dal 4 maggio gli spostamenti tra le diverse regioni saranno molto limitati, specie per entrare o uscire in quelle aree in cui la diffusione del virus è ancora molto sostenuta. In quel caso per spostarsi servirà dunque l’autocertificazione, ovviamente con una motivazione valida. Per le altre regole precise che dovremo seguire nella Fase 2, non ci resta che aspettare qualche giorno.