Arezzo, padre uccide a coltellate la figlia di 4 anni

L'uomo, di origine bengalese, si è scagliato anche sul figlio di 12 anni, che si è salvato scappando dalla vicina di casa

padre uccide a coltellate figlia
Foto: Pixabay

Un vero dramma familiare si è verificato oggi a Levane (Arezzo), proprio in questi giorni così delicati che ormai da qualche tempo si trova a vivere il nostro Paese. Un bengalese di 39 anni è infatti arrivato a uccidere la figlia di 4 anni, per poi arrivare a scagliarsi anche sull’altro figlio, di 12 anni, che è riuscito però a salvarsi scappando in un’appartamento vicino, nello stesso edificio. Lui avrebbe po tentato di suicidarsi in un pozzo.

Il ragazzino sarebbe riuscito a salvarsi solo per una coincidenza “fortunata”. L’uomo, infatti, non sarebbe riuscito ad aprire la porta, che non era stata serrata, dell’abitazione dove il figlio è scappato, L’uomo è dipendente di un’azienda di pulimentatura di cui è titolare un connazionale, ma in questo periodo di emergenza sanitaria si trovava a

Padre uccide figlia a coltellate – La mamma era fuori casa

Il bambino è poi stato trasportato nello stesso ospedale dove è stato ricoverato il padre, la Gruccia di Montevarchi, ma sembra che le sue condizioni non siano preoccupanti. Grave invece l’uomo.

In base ai primi riscontri, sembra che il bengalese abbia approfittato per agire mentre la mamma si trovava fuori casa per fare la spesa. La donna, in base ai primi riscontri, risulta essere, come è facile immaginare, sotto shock.

Tutta la palazzina in cui la famiglia viveva è abitata da bengalesi. Alcuni connazionali, vicini di casa, hanno raccontato che l’uomo “da qualche giorno non era tranquillo, tanto che la moglie aveva chiamato il dottore perché lo vedeva nervoso. Sembra che il medico gli abbia prescritto qualcosa per farlo stere calmo”. – come riportano le testimonianze raccolte da Tgcom 24. I vicini non escludono che l’uomo avesse problemi economici. Intanto i carabinieri stanno cercando l’arma con cui è stata uccisa la piccola. Potrebbe essere finita nel pozzo dove l’uomo si è gettato.