Lombardia, la ricetta medica arriva via SMS

Non sarà più necessario presentarsi di persona in ambulatorio dal medico: in farmacia si mostrerà un codice ricevuto sul cellulare

ricetta medica
Foto: Wikipedia

In tempi di emergenza sanitaria come quello che stiamo vivendo come fare per ottenere una ricetta medica? A partire da oggi, in Lombardia, come accade già per altre zone del nostro Paese si cambia e non sarà più necessario recarsi in ambulatorio dal medico. Qui molti dottori non effettuano più le tradizionali visite per evitare che i luoghi possano essere ulteriori fonti di contagio, ma spesso si affidano alla telemedicina. Tutto sarà comunque garantito attraverso il supporto della tecnologia.

Come avere la ricetta medica? In Lombardia da oggi si cambia

A partire da oggi è fruibile da tutti la dematerializzazione delle ricette“. Lo ha annunciato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso dell’aggiornamento quotidiano su Facebook sull’emergenza coronavirus in Lombardia.

Con questo processo, non sarà più necessario andare dal medico di base per ritirare le ricette. Basterà recarsi in farmacia con la tessera sanitaria e mostrare un codice dal proprio cellulare. L’assessore lombardo ha spiegato per bene come funzionerà.

Le persone che hanno bisogno di un farmaco – ha affermato Gallera – telefonano al proprio medico di base. Lui manda un codice sul telefonino del paziente. In farmacia basterà mostrare il codice arrivato via sms e il farmacista potrà dare direttamente le medicine“. Fatta la chiamata al medico, questo invierà in tempo reale un codice sul cellulare del richiedente e “immediatamente” la prescrizione finirà nel fascicolo sanitario elettronico del paziente. Una volta in farmacia, basterà mostrare il numero generato in modo automatico dal medico e ritirare il farmaco.

L’attivazione è automatica “se uno è già utente del fascicolo sanitario elettronico, dei servizi welfare digitali“. Chi invece non ha il fascicolo sanitario elettronico può usufruire del servizio attivandolosul sito dedicato della Regione, oppure chiedendo direttamente al medico di medicina generale.

La Regione Lombardia al servizio dei cittadini

“Quella delle ricette via sms mi sembra una cosa importante e utile”, ha commentato l’assessore Gallera segnalando anche per quanto riguarda le visite a domicilio che “le Usca (Unità speciali continuità assistenziale) a oggi hanno effettuato 1.233 visite in una settimana”. “Stiamo attivando – ha poi aggiunto – le degenze di comunità, i primi pazienti che non possono rimanere al proprio domicilio, per la complessità delle loro condizioni o perchè non sono in grado di realizzare un isolamento volontario. Già da fine settimana e da lunedì li collocheremo dentro altre strutture”.