Coronavirus, Lombardia in controtendenza: non ora i test sierologici

Valutare chi sia immune dal virus per permettergli di iniziare a pensare a una ripartenza è la strada seguita da Veneto ed Emilia Romagna, ma il Pirellone ritiene che il metodo non dia garanzie

test sierologici
test sierologici

Il Coronavirus non ha certamente abbandonato il nostro Paese, anzi, ma diventa inevitabile pensare anche a quando potremo, almeno parzialmente, riprenderci la nostra quotidianità. La riapertura sarà graduale, ma resta ancora da capire se questa riguarderà solo il tipo di attività o anche alcune categorie di persone. Veneto ed Emilia Romagna sono ormai decise a puntare sui test sierologici, lo strumento ritenuto adatto per capire chi abbia già sviluppato l’immunità al virus, mentre la Lombardia sembra essere di diverso avviso.

In Lombardia poca convinzione sull’efficacia dei test sierologici

La Lombardia resta la Regione più colpita dal Coronavirus, ma il Pirellone non vuole seguire l’esempio di quanto sta avvenendo in altri territori per capire quali categorie di persone possano essere le prime ad uscire. Qui, infatti, già da giorni si è deciso che questo tipo di analisi, per la ricerca di anticorpi generati dall’organismo in risposta al Coronavirus, verranno fatte sicuramente finita l’epidemia, ma non ora che gli stessi kit a disposizione per fare questi esami, come ha ribadito anche ieri l’assessore al Welfare Giulio Gallera, non danno risposte certe.

“Finita l’epidemia – ha spiegato anche ieri nel punto stampa quotidiano l’assessore lombardo – sicuramente passeremo a fare una mappatura a più ampio spettro, rispetto alla presenza o meno degli anticorpi, ma questo deve avvenire appunto in un momento successivo, perché deve essere una fotografia di ciò che è stato, non di ciò che è”.

La motivazione di questa scelta è chiara: “I kit che oggi sono a disposizione non ci danno una certezza su positività e negativit. Gli stessi esperti – ha aggiunto Gallera – stanno testando più di 100 kit presenti sul mercato, speriamo che se ne trovi qualcuno che possa dare maggiori certezze”.