Il coronavirus spaventa Tom Cruise e tutto il cinema

Il coronavirus spaventa Tom Cruise e tutto il cinema. Sale chiuse, produzioni bloccate: la paura sta congelando un'altra parte importante dell'economia italiana.

Il coronavirus spaventa Tom Cruise e tutto il cinema. Sale chiuse, produzioni bloccate: la paura sta congelando un'altra parte importante dell'economia italiana.
Il coronavirus spaventa Tom Cruise e tutto il cinema. Sale chiuse, produzioni bloccate: la paura sta congelando un'altra parte importante dell'economia italiana

Il coronavirus spaventa Tom Cruise e tutto il cinema. Sale chiuse, produzioni bloccate. Tom Cruise, che doveva girare a Venezia per Mission Impossible 7, saluta l’Italia. Fuggono anche Cbs, Netflix, Hbo, Cbs, Disney. Problema nel problema: le assicurazioni non coprono l’eventuale quarantena di una troupe. Il coronavirus sta congelando anche il cinema, che non è secondario per l’economia italiana.

Il coronavirus spaventa Tom Cruise e tutto il cinema

Non va meglio dal lato domanda. Lunedì il Presidente dell’Anica, Francesco Rutelli, ospite della trasmissione ‘Agorà’ su Rai3 ha detto che “il 2020 era iniziato in modo molto positivo, con dei dati in ulteriore crescita per il cinema italiano. L’arrivo del Coronavirus ha determinato un crollo nel settore: in questo weekend sono andate al cinema solo 324.000 persone, mentre l’anno scorso erano più di un milione. Gli incassi sono caduti del 75%. Siamo passati da un momento positivo ad uno estremamente critico”. Al momento, insomma, i set appaiono in ginocchio, ci racconta Francesco Grignetti su la Stampa.