Coronavirus: più di 800 i contagiati, 21 morti in Italia

Coronavirus: più di 800 i contagiati, 21 morti in Italia. Ma si pensa a ripartire: il Veneto vuol riaprire le scuole, la palla passa al governo

Coronavirus, l'Oms contro Zangrillo:
Coronavirus, l'Oms contro Zangrillo: "Non è vero che se n'è andato"

Coronavirus: più di 800 i contagiati, 21 morti in Italia. Nel nostro paese i contagi da coronavirus sono arrivati a 822, quasi il 40% in più in un solo giorno. Salite a 21 le vittime con i decessi di due uomini e due donne tra i 70 e gli 80 anni residenti nel lodigiano. C’è inoltre un nuovo caso nel Lazio: è una donna di Fiumicino appena tornata da Bergamo. Per l’Oms si tratta di un “livello della minaccia mondiale molto alto”. “Il continuo aumento nel numero dei casi e del numero dei Paesi affetti negli ultimi giorni – ha detto il direttore generale dell’Oms nel briefing sull’epidemia – è motivo di preoccupazione”. 

Coronavirus: più di 800 i contagiati, 21 morti in Italia

Rimane la Lombardia la regione più colpita, con 531 pazienti positivi, di cui 235 ricoverati e 85 in terapia intensiva. Un momento difficile, con l’emergenza nell’ospedale di Lodi, nel quale sono stati ricoverati 51 pazienti gravi, tutti dalla zona rossa. “Non è il momento di abbassare la guardia o pensare di aver chiuso il problema”, dice infatti il professor Massimo Galli, direttore di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano. Una buona nuova viene invece dallo Spallanzani di Roma, dove Niccolò, lo studente 17enne rientrato da Wuhan, ha finito il suo periodo di quarantena: ora sta bene e potrà finalmente tornare a casa.

Infografica medicalfacts.it

Intanto si pensa a come alleggerire la situazione, contemperando sicurezza sanitaria e un minimo di normalità sociale: nella zona rossa attorno a Codogno e in quella padovana di Vo’ Euganeo lunedì riapriranno gli uffici postali. Quanto alle scuole, le regioni vanno in ordine sparso. Il Veneto vorrebbe riaprire già da lunedì, come detto più volte dal governatore Zaia. La Lombardia punta invece a un’altra settimana di fermo, come suggerito dai tecnici lombardi. La palla passa al governo: probabile che vengano emanati un provvedimento ad hoc per le due regioni e un altro con le linee generali dedicato alle altre.