Roma, il Movimento 5 Stelle scende in piazza contro i vitalizi: “basta privilegi”

Il Movimento 5 Stelle torna in piazza, questa volta per dire stop ai vitalizi. Come CiSiamo siamo andati a parlare con i militanti. Ecco cosa è successo.

Roma, 15 febbraio 2020: il Movimento 5 Stelle in Piazza contro i vitalizi.
Roma, 15 febbraio 2020: il Movimento 5 Stelle in Piazza contro i vitalizi.

Torna in piazza il Movimento 5 Stelle, per dire basta ai privilegi della classe politica. Con lo sloganMai più vitalizi“, i militanti del Movimento, si sono dati appuntamento oggi, sabato 15 febbraio, in Piazza Santi Apostoli a Roma. Con loro – secondo le stime oltre 4000 presenti – alcuni degli esponenti di punta del Movimento, a partire dall’ormai ex capo politico Luigi Di Maio, attuale Ministro degli Esteri.

Come CiSiamo siamo andati alla manifestazione dei pentastellati per capire il clima e gli umori dei manifestanti. Il nostro racconto.

La piazza del Movimento: “siamo qui perché alcuni privilegi sono inaccettabili”

Sono in tanti, agguerriti e arrivano da tutta Italia, anche se per il movimento fondato da Beppe Grillo non è un momento semplice. Hanno bandiere, fischietti e cartelli gialli. L’obiettivo è farsi sentire in tutta Roma. “Sono stati fatti pullman: ben due dalla mia Regione – ci racconta un manifestante proveniente da Napoli. “Siamo qui – prosegue – per dire che alcuni privilegi in Italia esistono ancora. Il Movimento torna in Piazza perché è qui che deve stare: vicino alle persone, ai più deboli”.

“Ci attaccano – continua un militante romano – soprattutto sul reddito di cittadinanza. Io lo difendo: so di persone che grazie a quei soldi arrivano a fine mese. Siamo stanchi di sentire sempre la stessa storia e siamo stanchi di alcuni leader che valgono poco e cercano di contare tanto in maggioranza: è un atteggiamento ridicolo”.

Cantano e intonano il grande slogan che, in tutti questi anni, non hanno mai abbandonato: “onestà, onestà, onestà“. Nel mirino c’è la cosiddetta “casta”, in primis gli ex parlamentari italiani che ricevono il vitalizio, l’erogazione economica mensile data al termine del mandato parlamentare. “L’Italia è spaccata in due e non va bene – prosegue una signora arrivata appositamente da Bologna. – C’è chi soffre per arrivare a fine mese e poi ci sono i privilegiati: voi con chi volete stare?”

Sul palco anche Luigi Di Maio

“Grazie per essere in questa bellissima piazza – ha dichiaro sul palco Luigi Di Maio, l’ex capo politico del Movimento – siete il nostro orgoglio. Vorrei dirvi poche cose oggi. Vorrei però che tutti voi guardaste la bandiera dell’Italia che sta sventolando in centro piazza: voi siete quella bandiera, voi siete i valori di quella bandiera”.

“Sono orgoglioso – prosegue Di Maio – di rappresentare il popolo italiano all’estero. Il movimento deve fare sue delle battaglie: io penso a quella dell’ecologia, da sempre uno dei nostri cavalli di battaglia. L’Italia è all’avanguardia su questo tema e non mi stancherò di dirlo. Però possiamo fare di più su questo tema, ma anche su quelli del lavoro, della crescita, della competitività”.

La manifestazione a Roma: non manca il bagno di folla

Sul palco tanti i “big” del Movimento, da Vito Crimi a Paola Taverna. Al termine della manifestazione (è durata circa due ore), i leader del Movimento sono scesi tra i militanti e hanno concesso loro alcuni selfie.