Andria, bomba sotto l’auto di un carabiniere

Terzo attentato ad un rappresentante del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri in servizio ad Andria.

21enne ucciso fuori da una discoteca
21enne ucciso fuori da una discoteca

Terzo attentato ad un rappresentante del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri in servizio ad Andria. Stavolta una bomba è stata fatta esplodere, nella notte, a Ruvo di Puglia (Bari), sotto l’auto privata di un militare. In particolare, è stato usato un ordigno artigianale con molta probabilità realizzato con tritolo. La vettura è andata completamente distrutta ma per fortuna nessuno è rimasto ferito.

I precedenti per i carabinieri di Andria

Come detto si tratta del terzo attentato in poco più di un anno contro un esponente dei Carabinieri di Andria, uno dei tre capoluoghi della provincia Bat. L’ultimo episodio risaliva al 3 dicembre 2018. Venne collocato un ordigno sotto la vettura di un militare della Compagnia di Andria in servizio a Corato (Bari), fra Andria e Ruvo. Tutto era iniziato il 13 novembre 2018 quando, sempre a Corato, venne data alle fiamme la casa di campagna di un Carabiniere in servizio ad Andria. In quell’occasione, su una parete venne trovata la scritta: “Ti devo ammazzare”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.