Sanremo 2020, Rula Jebreal e il suo monologo sui diritti delle donne

Stasera sul palco di Sanremo 2020 ci sarà anche Rula Jebreal che terrà il suo attesissimo monologo che parlerà dei diritti delle donne

Sanremo 2020 Rula Jebreal
Sanremo 2020 Rula Jebreal: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1638735236423549&set=ecnf.100008612644748&type=3&theater

Nella prima serata del Festival di Sanremo 2020 si terrà l’attesissimo monologo di Rula Jebreal, preceduto da non poche critiche. Amadeus si espone riguardo a ciò affermando: “Da subito ho voluto che fosse un Festival femminile all’insegna della donna e delle storie importanti. Sono fiero e onorato di iniziare con Rula Jebreal e Diletta Leotta”.

La Leotta si definisce “pronta e carica“. Jebreal anticipa il contenuto del suo monologo, che parlerà di “Un’emergenza nazionale, ma anche internazionale. Molte donne vengono messe in prigione solo perché chiedono il diritto al voto in Arabia Saudita. È un tema apartitico, culturale, importante”.

“C’è una ragazza di 28 anni, Loujain torturata perché ha chiesto di guidare la macchina“. La giornalista italo-israeliana ha afferma di aver incontrato Amadeus a ottobre. “Gli ho detto che avrei voluto parlare di questo tema e l’ha subito abbracciato, ammiro il suo coraggio, lo ringrazio tantissimo. E sono felice di parlarne davanti a una donna giovane come Diletta e davanti a mia figlia. Dirò cose che non ho mai detto nemmeno a me stessa finché non ho compiuto 40 anni e sono felice di dirle e condividerle con tutti voi”

Sanremo 2020, Rula Jebreal devolverà metà stipendio

Rula Jebreal ha anche annunciato che devolverà metà del compenso per il festival di Sanremo 2020 a Nadia Murad, l’attivista irachena yazida che è stata rapita e stuprata dall’Isis.

“Il vero tema è capire perché nel 2020 le donne vengono ancora pagate il 25% in meno rispetto agli uomini che fanno il loro stesso lavoro“. “Ancora prima della trattativa con Rai il mio compenso era già sulla vostra stampa: anche questo dovremmo chiederci, perché si usa la stampa per portare avanti numeri non ancora accertati”, aggiunge.