Milano, non udente chiama i soccorsi con l’app e salva il papà

Il giovane è riuscito a chattare con l'operatore e a segnalare il problema grazie a "Where are you", dotata della funzione di geolocalizzazione

soccorsi
Foto: Pixabay

La tecnologia è ormai diventata una compagna indispensabile nella nostra quotidianità, al punto tale da ritenere quasi impossibile fare il mimimo spostamento tra i locali di casa senza lo smartphone. A volte può addirittura salvarci la vita. Emblematico quanto successo questa mattina a Milano, dove una famiglia di persone sorde è riuscita a chiedere aiuto per un malore che aveva colpito un genitore che abita in un altro quartiere della città grazie all’App Where are You.

Un salvataggio efficace

“Where are you” è l’app per dispositivi mobili che consente di chiedere aiuto e ottenere il soccorso in caso di emergenza medica nell’arco di pochi minuti, ma che soprattutto consente di usufruire del servizio anche se non sappiamo indicare con precisione dove ci troviamo grazie alla funzione di geolocalizzazione. Tutto questo è possibile grazie al GPS e alla propria connessione dati.

Una funzione che ha permesso questa mattina di salvare: un ragazzo non udente è infatti riuscito a segnalare il malore che aveva colpito il papà guidando gli operatori fino alla casa del genitore, che si trovava in un’altra zona della città.

“L’evento – come spiegano dall’Areu – si è concluso in qualche minuto grazie alla collaborazione della chiamante e alla preparazione e all’esperienza dell’operatore della Cur di Milano”.

Un servizio provvidenziale

L’app permette in sostanza di inviare la posizione geografica alla Centrale Operativa 112 di competenza, permettendo una precisa localizzazione, per un efficace intervento quando ogni secondo è prezioso; salvare i dati personali, inclusi i tuoi numeri Ice (In Case of Emergency) che potranno essere chiamati per te dalla Centrale Operativa 112 in caso di necessità; ha la gestione dell’interfaccia per ipovedenti; ha la funzionalità ”chiamata silenziosa”, per consentire a chi non può parlare di contattare ugualmente il servizio di emergenza 112 e segnalare un’emergenza; permette la selezione del tipo di servizio di emergenza richiesto (Soccorso Sanitario, Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine) e consente di passare da 112 al numero di emergenza del Paese in cui ti trovi (ad es. in U.S.A., l’app chiamerà il 911, invece del 112)