Migranti, aumentati sbarchi: gennaio record di arrivi

1275 migranti sono già sbarcati e altri 363 sono a bordo della Open Arms ciò porta ad un aumento del 700% degli sbarchi solo nel primo mese del 2020.

migranti sbarchi
Aumento sbarchi migranti

1275 migranti sono già sbarcati e altri 363 sono a bordo della Open Arms in attesa di un porto, ciò porta ad un aumento del 700% degli sbarchi solo nel primo mese del 2020. Il numero degli arrivi sale a 1600 dall’inizio dell’anno contro i 202 registrati nello stesso periodo l’anno scorso, ed inevitabilmente, questi dati fanno preoccupare il governo.

Migranti, aumentano gli sbarchi: sorgono dei dubbi

Iniziano a sorgere i primi dubbi su questo incremento esponenziale che riguarda gli sbarchi dei migranti. Sembra non trattarsi solo dell’incremento della guerra in Libia dato che, il Paese è in guerra da ormai molti mesi,le partenze e i conseguenti sbarchi hanno sempre mantenuto un livello moderato.

Il sospetto è che, come abbiamo già visto accadere nel corso degli anni, dall’altra parte del Mediterraneo si stia mettendo in atto una strategia di pressione mirata nei confronti dell’Italia.

Non sembra un caso che l’aumento degli sbarchi sia avvenuto a pochi giorni dal rinnovamento del Memorandum ItaliaLibia. Il governo ha deciso di prorogare per i prossimi tre anni alla scadenza del 2 febbraio. Però la tanto annunciata e agognata trattativa per le modifiche che l’Italia sollecita non è ancora neppure cominciata.

E non a caso la Libia è stata al centro del vertice che il premier Conte ha tenuto questa mattina a Palazzo Chigi con tutti i ministri interessati, Esteri, Interno, Difesa, Infrastrutture.

Open Arms: la situazione è critica

Open Arms durante la notte ha effettuato il quinto soccorso in 72 ore caricando a bordo un centinaio di persone. La nave continua a vivere una forte situazione di emergenza e in attesa di un porto dove attraccare.

In questo momento, dopo aver evacuato due casi gravi tra cui un minorenne con ferite da torture infette, naviga tra Italia e Malta chiedendo un porto sicuro. Le persone a bordo sono troppe per la capienza del vecchio rimorchiatore. La Ong spagnola ha rimesso in mare la barca per la sua ultima missione nonostante gli importanti problemi tecnici.

Elena Siotti
Sono Elena, ho 22 anni e frequento il terzo anno della facoltà di scienze della comunicazione presso l'Università degli Studi dell'Insubria. Poter scrivere per Ci Siamo.info rappresenta per me un grande traguardo e spero che sia il primo di tanti altri.