Lodi, uccise un ladro nel suo locale: assolto l’oste Mario Cattaneo

Il pm nella sua requisitoria aveva chiesto una condanna a tre anni di reclusione

mario Cattaneo

Il problema sicurezza è quasi all’ordine del giorno nel nostro Paese e sembra ancora difficile riuscire ad arrivare a una soluzione univoca che possa soddisfare tutti. Prorio oggi è arrivata la decisione del Tribunale in merito alla situazione di Mario Cattaneo, l’ste di Casaletto Lodigiano (Lodi), che il 10 maggio 2017 ha ucciso un ladro che era entrato nel suo locale. Dopo l’assoluzione in primo grado dall’accusa di eccesso colposo di legittima difesa, la sentenza è stata confermata. Il pm per l’uomo aveva chiesto tre anni di reclusione.

La soddisfazione di Pirellone e Lega

La Lega e Regione Lombardia non avevano mai mancato di far sentire all’oste il proprio sostengo arrivando anche a proporsi di pagare le spese legali. Il Pirellone, in modo particolare, aveva disposto il pagamento di un contributo di 30 mila euro per aiutarlo.

Ora il Governatore Attilio Fontana non ha quindi mancato di manifestare la sua soddisfazione attraverso il suo profilo Facebook: “Il Tribunale di Lodi ha assolto l’oste Mario Cattaneo riconoscendogli di aver agito per legittima difesa. Regione Lombardia fin dall’inizio è stata concretamente al fianco di Mario e la presenza del nostro assessore alla Sicurezza, Riccardo De Corato, all’udienza di oggi a Lodi è la testimonianza diretta della nostra vicinanza all’oste di Casaletto. Lo abbiamo convintamente sostenuto, come sancito dalla normativa regionale vigente, con il rimborso delle spese legali previste nei confronti dei soggetti accusati di aver commesso un delitto per eccesso colposo in legittima difesa. L’assoluzione di oggi va nella direzione giusta, tutelando un cittadino onesto che si è difeso da un’aggressione avvenuta a casa propria”.