Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso sul caso Sea Watch

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dalla Procura di Agrigento sulla vicenda di Carola Rackete: cadono le accuse.

Carola Rackete e la vicenda della Sea Watch
Carola Rackete e la vicenda della Sea Watch (foto repertorio)

Carola Rackete, comandante della Sea Watch, non doveva essere arrestata. La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dalla Procura di Agrigento contro la messa in libertà della cittadina tedesca. La donna, a fine giugno 2019, entrò nel porto di Lampedusa non rispettando il divieto da parte della Guardia di Finanza. Respinto il ricorso che ha dato ragione al Gip di Agrigento, Alessandra Vella. Quest’ultima, infatti, non aveva convalidato l’arresto.

Carola Rackete, la posizione del legale sul caso Sea Watch

Escluso il reato di violenza e resistenza a nave da guerra. Il legale della Rackete, Leonardo Marino, si è così espresso: «Non conosciamo ancora le motivazioni ma adesso sappiamo con certezza che avevamo ragione noi. Carola Rackete non andava arrestataVedremo adesso se la Procura di Agrigento darà seguito a questa pronuncia della Cassazione – afferma l’avvocato Marino – o se andrà avanti su questa sua tesi, che riteniamo folle. Arrestata perché aveva salvato vite umane».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.