Vaticano, Papa Francesco nomina donna come Segretaria di Stato

Il Santo Padre ha compiuto una scelta a dir poco innovativa. Stiamo parlando di Francesca di Giovanni, classe 1953, palermitana. È la prima donna nella storia del vaticano a ricoprire questa carica.

Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco aveva già espresso molte volte la sua volontà di aumentare la presenza femminile al vertice della Chiesa cattolica e così è stato. Bergoglio, difatti, ha nominato Francesca Di Giovanni sottosegretario per il settore multilaterale della sezione per i rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato, ovvero il “ministero degli Esteri” vaticano.

Papa Francesco e la scelta di una nuova Segretaria di Stato

Di Giovanni a Vaticano News afferma: “Il Santo Padre ha preso una decisione innovativa, certamente, che, al di là della mia persona, rappresenta un segno di attenzione nei confronti delle donne. Ma la responsabilità è legata al compito, più che al fatto di essere donna”.

Quest’ultima non è nuova nel settore multilaterale, soprattutto per quanto riguarda temi affini ai migranti e i rifugiati, il diritto internazionale umanitario, le comunicazioni, il diritto internazionale privato, la condizione della donna, la proprietà intellettuale e il turismo.

Con chi lavorerà la nuova Segretaria di Stato?

I rapporti con gli Stati potranno quindi contare su due segretari dato che Di Giovanni andrà ad affiancare monsignor Miroslaw Wachowski che da adesso si occuperà principalmente del della diplomazia bilaterale. è un settore particolarmente delicato ed impegnativo che necessita di maggior attenzione.

Di che cosa di occuperà la Segretaria di Stato?

Tale settore si occuperà quindi di disciplinare i rapporti che riguardano organizzazioni intergovernative a livello internazionale e comprenderà anche la rete dei trattati multilaterali, che sono importanti perché sanciscono la volontà politica degli Stati riguardo ai vari temi concernenti il bene comune internazionale: lo sviluppo, l’ambiente, la protezione delle vittime dei conflitti e la condizione della donna.