Uomo viene sfrattato e si dà fuoco a Lucca, gravissimo

Uomo si dà fuoco a Lucca
Uomo si dà fuoco a Lucca

Un uomo di 42 anni di Lucca ha riportato ustioni sul 70-80% del corpo dopo essersi dato fuoco. Doveva subire lo sfratto dall’appartamento in cui vive ad Altopascio. La tragedia è andata in scena all’arrivo dell’ufficiale giudiziario. I soccorsi sono arrivati subito sul posto grazie all’intervento della Misericordia di Altopascio, che ha immediatamente allertato l’elisoccorso Pegaso. La notizia è stata riportata dall’Adnkronos.

Uomo viene sfrattato e si dà fuoco a Lucca, gravissimo

Il 42enne adesso si trova all’ospedale di Cisanello, a Pisa, in codice rosso. Sul posto sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco per domare le fiamme e mettere in sicurezza la zona e i carabinieri per le prime indagini.

Nei pressi dell’appartamento dell’uomo si è fatto vedere anche il sindaco di Altopascio, Sara D’Ambrosio. Parte della palazzina è stata resa inagibile, ma non ci sono danni, invece, per le abitazioni limitrofe.

“Non appena appresa la notizia – ha dichiarato il sindaco di Altopascio, Sara D’Ambrosio – mi sono recata in via Torino per verificare di persona quanto stesse accadendo. L’appartamento coinvolto, l’appartamento del piano di sopra e il seminterrato corrispondente all’abitazione andata a fuoco sono stati resi inagibili. Gli altri appartamenti della palazzina e le abitazioni limitrofe non riportano danni e le persone, dopo essere stati evacuati per sicurezza, potranno tornare nelle rispettive case. Ulteriori dettagli emergeranno nelle prossime ore, le indagini sono infatti tuttora in corso. Voglio ringraziare le persone, le forze dell’ordine e i mezzi di soccorso e intervenuti, che con tempestività hanno evitato che la situazione potesse trasformarsi in una tragedia ancora più grossa”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.