Via Quota 100, arrivano tre proposte per sostituirla

Quota 100, tra meno di un anno, potrebbe già essere solo un ricordo. Sono pronte, infatti, tre nuove proposte per sostituire la riforma voluta dalla Lega.

Quota 100
Quota 100

Quota 100, tra meno di un anno, potrebbe già essere solo un ricordo. Sono pronte, infatti, tre nuove proposte per sostituire la riforma voluta dalla Lega. Tutto potrebbe cambiare nel 2021, quando scadranno i tre anni di sperimentazione di Quota 100. Successivamente, se non ci saranno nuovi provvedimenti, tornerà la legge Fornero.

Per evitare dunque il ritorno dell’odiatissima legge pensionistica varata durante il Governo Monti, bisognerà riuscire nell’impresa di varare in tempi congrui una nuova riforma.

Via Quota 100, arrivano tre proposte per sostituirla

Come riporta Il Giornale, le proposte che verranno prese in considerazione saranno 3. La prima è già servita, si tratterà semplicemente di ritornare, appunto, alla legge Fornero. Con questa si potrebbe prevedere, magari già a partire dal prossimo anno, a un apposito fondo per le pensioni contributive.

La secondo proposta è quella di ripristinare la flessibilità prevista dalla riforma Dini/Treu (ovvero tutti i lavoratori accedono alla pensione a 64 anni di età, adeguata alla speranza di vita, e dopo aver raggiunto 37/38 anni di contributi). In questo caso bisognerà poi proporre fondi di solidarietà ed esubero, gli stessi già adottati da banche e assicurazioni.

Arriviamo all’ultima proposta, il blocco dell’anzianità contributiva a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e un anno in meno per le donne. Per le madri si potrebbe anche considerare uno sconto pari a 8 mesi per ogni figlio, fino a un massimo di tre; per i lavoratori precoci, invece, una riduzione di un quarto di anno per ogni anno lavoratori prima del compimento dei 20 anni.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.