Ponte Morandi, finalmente c’è la data per il nuovo viadotto

Marco Bucci ha comunicato quella che dovrebbe essere la data per il completamento del viadotto che sostituirà il Ponte Morandi, crollato lo scorso agosto.

Ponte Morandi
Ponte Morandi

Il Sindaco di Genova Marco Bucci ha comunicato quella che dovrebbe essere la data per il completamento del viadotto che sostituirà il Ponte Morandi, crollato lo scorso agosto. “Il ponte finito dipende dai sistemi di collaudo. Contiamo che si possa inaugurare entro la fine di maggio. Anche se non è escluso si possa fare qualcosa di più. Quello che più ci interessa è avere il ponte finito a metà marzo per avviare i lavori di pavimentazione e averlo completo per la fine di marzo”. 

Bucci, nominato tra l’altro commissario straordinario del viadotto sul Polcevera, ha continuato: “Dall’ultima revisione del piano di progetto tutti i lavori edilizi, non quelli di acciaio ma le pile, saranno terminati a fine gennaio, cosa che consentirà a metà marzo di vedere il ponte completo con tutte le infrastrutture di acciaio sopra”.

Ponte Morandi, finalmente c’è una data per il nuovo viadotto

“Il cronoprogramma – continua il Sindaco di Genova – ha sempre gli stessi obiettivi, prevediamo che il ponte sia tutto visibile verso la metà di marzo. Poi bisognerà lavorare sopra per mettere a posto le altre cose, dall’asfalto al cemento, però il ponte sarà tutto visibile verso la metà di marzo”. 

“Venerdì 27 – ha aggiunto – andrà su la campata che sta tra le pile 7 e 8, tutto montato, con i carter laterali già sistemate. Una cosa importante, perché mandare su i pezzi con le ali fuori vuol dire limitare i lavori in quota, che sono quelli più rischiosi e complessi dal punto di vista tecnico tra verniciature e saldature. La 3-4, che doveva andare su il 30 senza le alette, salirà il 7 con le alette, perché facciamo a terra i lavori che dovevamo fare in quota”. 

Infine: “Nel mese di gennaio saliranno tutte le altre, PerGenova per ora mi ha confermato che per metà marzo avremo la visibilità di tutto il ponte completo, che è esattamente quello che vogliamo. Il problema meteorologico esiste ovviamente, ma ci sono spazi dentro il project planning che ci consentono di mantenere i tempi”.

Sulla questione è intervenuto anche Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e leader di Cambiamo. Il cantiere, sostiene, “avanti tutti i giorni. Lo vedete crescere, anche se ovviamente il maltempo ha pesato sulla Liguria e sulle lavorazioni. Resto ottimista sul fatto che, settimana più o settimana meno, dobbiamo chiudere questo cantiere prima dell’estate”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.