Straniera perde figlia e viene insultata, Meloni: “Ecco perché sono schifata”

Giorgia Meloni Conte
Giorgia Meloni (foto repertorio)

Scalpore ha fatto oggi, mercoledì 18 dicembre, la notizia della madre nigeriana insultata dopo che si è messa a piangere per aver perso sua figlia. “Fatela tacere, scimmia. Tanto ne sfornano uno all’anno, avrebbe detto qualcuno in ospedale a Sondrio. L’episodio si sarebbe verificato qualche giorno fa, ma è venuto alla luce solo nelle ultime ore grazie al racconto di un testimone.

Straniera perde figlia e viene insultata, Meloni: “Ecco perché sono schifata”

Sulla questione è intervenuta anche la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Sulla sua pagina Facebook ha scritto un messaggio di solidarietà per la donna che ha perso la figlia a soli 5 mesi. “Da madre non posso che provare profondo disprezzo per chi è così infame da insultare una donna straziata dal dolore più atroce che un essere umano possa provare. Non ho parole, che schifo“.

C’è da dire che la vicenda ha ancora dei retroscena irrisolti. Qualcuno infatti sostiene che quegli insulti razzisti non siano mai avvenuti. Inoltre, in una nota, i Carabinieri avrebbero smentito la notizia asserendo che “nella zona del pronto soccorso dove sostava la giovane mamma nigeriana che ha perso la bambina di 5 mesi lo scorso 14 dicembre non c’è stato nessun commento e nessun insulto razzista”. Erano “presenti erano solo lei, il marito, il personale medico, una parente e i carabinieri”.

La vicenda è emersa oggi grazie a un testimone che ha pubblicato un messaggio su Facebook. “Chi parla di riti tribali, chi di satanismo, chi di scimmie e manicomi – ha dichiarato -. Tanta cattiveria che non si è arrestata neanche di fronte alla morte di una innocente, le voci malvagie di quegli individui non sono mai calate”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.