Papa Francesco: “Il presepe deve avere il volto dei nostri fratelli bisognosi”

Papa Francesco all'Angelus ha voluto spiegare cosa rappresenta il presepe: "L'Avvento, tempo di grazia, ci dice che non basta credere in Dio".

Papa Francesco spiega il presepe
Papa Francesco spiega il presepe

Papa Francesco all’Angelus ha voluto spiegare cosa rappresenta il presepe: “L’Avvento, tempo di grazia, ci dice che non basta credere in Dio: è necessario ogni giorno purificare la nostra fede. Si tratta di prepararsi ad accogliere non un personaggio da fiaba, ma il Dio che ci interpella, ci coinvolge e davanti al quale si impone una scelta”.

Papa Francesco: “Il presepe deve avere il volto dei nostri fratelli bisognosi”

E ancora: “Il Bambino che giace nel presepe ha il volto dei nostri fratelli e sorelle più bisognosi, dei poveri che ‘sono i privilegiati di questo mistero e, spesso, coloro che maggiormente riescono a riconoscere la presenza di Dio in mezzo a noi‘”.

Il Papa ha poi continuato asserendo che “in questa terza Domenica di Avvento, detta domenica ‘della gioia’, la Parola di Dio ci invita da una parte alla ‘gioia’, e dall’altra alla consapevolezza che l’esistenza include anche momenti di ‘dubbio’, nei quali si fa fatica a credere. ‘Gioia’ e ‘dubbio’ sono entrambe esperienze che fanno parte della nostra vita. La salvezza avvolge tutto l’uomo e lo rigenera. Ma questa nuova nascita, con la gioia che l’accompagna, sempre presuppone un morire a noi stessi e al peccato che c’è in noi. Da qui deriva il richiamo alla conversione”.

Infine: “Mentre ci avviciniamo al Natale, non ci lasciamo distrarre dalle cose esteriori, ma facciamo spazio nel cuore a Colui che è già venuto e vuole venire ancora a guarire le nostre malattie e a darci la sua gioia”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.