Desirée Mariottini, l’imputato: “Chiedo perdono alla famiglia”

E' iniziato il processo per l'omicidio di Desirée Mariottini, per il quale sono imputati quattro persone che erano presenti in aula

Al via il processo per la morte di Desirée Mariottini, la 16enne trovata morta il 19 ottobre 2018 in una casa nel quartiere San Lorenzo di Roma. Quattro le persone sul banco degli imputati: Alinno Chima, Mamadou Gara, Yussef Salia e Brian Minthe. Tutti sono accusati di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori.

I quattro, secondo quanto ricostruito dall’aggiunto Maria Monteleone e dal pm Stefano Pizza, avrebbero abusato a turno delle ragazzina dopo averle somministrato un mix di droghe che poi ne avrebbe acusato la morte. Prova a loro carico sarebbero le tracce di Dna che gli investigatori hanno torvato sul corpo di Desirée.

Il processo per l’omicidio di Desirée Mariottini

Uno degli imputati, Mamadou Gara, ha denunciato l’assenza di un interprete durabte l’incidente probatorio dell’8 novembre. Per questo ha chiesto che vengano annullati gli atti svolti in quella sede. In quell’occasione alcuni testimoni avevano confermato di aver provato a chiamare l’ambulanza per soccorrere Desirée, ma che i quattro indagati glielo avevano impedito. Se la richiesta di Gara verrà accettata, lo si saprà solo nel corso della prossima udienza, fissata per il 15 gennaio.

Invece, Yussef Salia ha dichiarato in aula: “Non sono responsabile della morte di questa ragazza, ma chiedo perdono e scusa a sua madre e alla sua famiglia e rispetto il loro dolore”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.