Professore dell’Università di Siena elogia Hitler su Twitter

Un professore dell'Università di Siena, Emanuele Castrucci, è finita la centro di molte polemiche per un post filonazista pubblicato su Twitter

Il post di Emanuele Castrucci
Il post di Emanuele Castrucci

Un professore dell’Università di Siena finisce nella bufera per un post pubblicato su Twitter, in cui mostra la foto di Adolf Hitler con il suo pastore tedesco. E sopra la didascalia: “Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto contro i veri mostri che oggi vi governano dominando il mondo”.

L’Università prende le distanze

Proprio il tenore filonazista del post del Professore Emanuele Castrucci, docente di filosofia del diritto e filosofia politica pubblica, ha scatenato le polemiche. Mentre l’Ateneo si limita a prendere le distanze liquidando la questione come una faccenda “a titolo personale”. “Il prof. Castrucci scrive a titolo personale e se ne assume la responsabilità”, spiega una nota del Rettore. “L’università di Siena, come dimostrato in molteplici occasioni, è dichiaratamente antifascista e rifugge qualsiasi forma di revisionismo storico nei confronti del nazismo”, conclude.

La replica del professore Emanuele Castrucci

La replica di Castrucci alle contestazioni a seguito del suo post rimane in linea con le dichiarazioni precedenti. “I gentili contestatori del mio tweet non hanno compreso una cosa fondamentale: che Hitler, anche se non era certamente un santo, in quel momento difendeva l’intera civiltà europea“, ribadisce il professore. Che non è nuovo, del resto, a uscite filonaziste. Come quella postata il 30 novembre, in cui cita Corneliu Zelea Codreanu, il fascista rumeno fondatore della Guardia di ferro. “Non c’è nulla che i giudei temano più dell’unità di un popolo”, è la frase che figura nel post.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.