Il Milan compie 120 anni: Milano rende omaggio al fondatore Kilpin

Herbert Kilpin, fondatore del Milan (Foto: Wikipedia)

Il momento attuale non è certamente dei migliori, ma questo non cancella la storia caratterizzata da 18 Scudetti, 7 Champions League, 5 Supercoppe Europee, 7 Supercoppe Italiane, 5 Coppe Italia, 2 Coppe delle Coppe, 3 Coppe Intercontinentali e un Mondiale per Club. Numeri di questo tipo sono quelli di una squadra che ha scritto pagine indelebili nella storia del calcio e meritano quindi di essere onorati al meglio ora che si avvicina il 120esimo anniversario di fondazione.

E’ quello che sta per fare il Milan, che celebrerà l’importante compleanno il prossimo 16 dicembre e ha così organizzato una serie di iniziative importanti. Tra queste, spiccano una maglia celebrativa che sarà indossata in occasione della gara contro il Sassuolo (in programma a San Siro il prossimo 15 dicembre alle ore 15) e disponibile in edizione limitata anche per tutti i tifosi. Non mancherà anche un tour mondiale in cui saranno coinvolte le Glorie del club, organizzato in sinergia con il Barcellona, altra formazione che festeggia lo stesso importante compleanno.

Un gesto invocato a lungo

In occasione di un evento così importante non poteva mancare un gesto importante anche da parte della città. Dopo i ripetuti tentativi finora non andati a buon fine, sta per arrivare la “Rotatoria Kilpin”, la rotatoria situata davanti al Museo Mondo Milan che prenderà così il nome del padre fondatore del club.

La cerimonia è prevista proprio lunedì 16 dicembre alle 15:30 alla presenza delle massime autorità cittadine, una rappresentanza della famiglia Kilpin, campioni rossoneri di ieri e di oggi.

Un evento memorabile quindi non solo per la società, ma anche per i milanesi.

La data non è stata scelta a caso: proprio quel giorno venne siglato l’atto di nascita del Milan con parole scolpite nel mito del calcio mondiale: “Saremo una squadra di diavoli, i nostri colori saranno il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo ai nostri avversari”.

Il primo capitano e allenatore

Kilpin nel 1989 lasciò Torino per trasferirsi a Milano insieme ad un suo collega inglese, Samuel Richard Davies. Nel capoluogo lombardo Kiplin conobbe alcuni italiani che erano ex soci della “Società per l’Educazione Fisica Mediolanum“, ed insieme a loro fondò quello che allora venne chiamato “Milan Football and Cricket Club“. 

Il ruolo di presidente venne affidato ad Alfred Edwards, mentre Kilpin ricoprì il ruolo di calciatore e manager, divenendo il primo allenatore, il primo capitano (anche se dopo la prima stagione lasciò la fascia a David Allison, compagno più grande. Proprio con Kilpin in campo sarebbe arrivato il primo scudetto della storia rossonera nel 1901.