Berloni cucine di Pesaro chiude: a rischio 85 lavoratori

In liquidazione lo storico marchio Berloni cucine di Pesaro, decisione improvvisa che mette a rischio 85 lavoratori dell'azienda

Lo storico gruppo Berloni cucine di Pesaro è in liquidazione, dopo la decisione a improvvisa presa il 28 novembre.

Una decisione inspiegabile

Una decisione improvvisa e apparentemente inspiegabile, visto che l’azienda, che dà lavoro a 85 persone, era in salute. Infatti, gli ordini erano in crescita del 25% rispetto all’anno scorso, e il fatturato di aggira intorno ai 15 milioni. Per questo gli operai hanno scioperato, il 29 novembre, denunciando che in questo modo si “uccide una fabbrica che ha ordini a non finire, con assunzioni di otto persone fino a tre mesi fa”. Anche le autorità locali si sono schierate con i lavoratori, e il sindaco di Pesaro Matteo Ricci ha parlato di una vicenda “strana” che sembra legata ai soci di Taiwan che dal 2014 controllano l’azienda.

Proprio il sindaco si è impegnato in prima persona per parlare con la proprietà e “capire se la decisione sia irreversibile o meno” . “Se non lo è dobbiamo aprire un tavolo anticrisi”, fa sapere il sindaco, appoggiato dalla Regione.

La storia di Berloni cucine

L’azienda nasce nel 1960 dall’iniziativa dei fratelli Berloni. Cresce, fino al suo picco massimo di espansione negli anni Duemila, dove raggiunge i 200milioni di fatturato e i 400 dipendenti. Nel 2012 però subisce un tracollo, con 380 dipendenti che finiscono in cassa integrazione e il concordato. È così che nel 2014 subentrano i partner di Taiwan, trasformando l’azienda nel Berloni Group. Fino all’annuncio del 28 novembre, dovuto, pare, più a diversità di vedute sulla proprietà che a difficoltà economiche.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.