Crolla tratto dell’A6 tra Torino e Savona a causa del maltempo

A causa dell'insistente maltempo che da giorni sta imperversando nelle regioni di Liguria e Piemonte, è crollato un tratto dall'A6.

Crolla tratto dell'A6
Crolla tratto dell'A6

A causa dell’insistente maltempo che da giorni sta imperversando nelle regioni di Liguria e Piemonte, è crollato un tratto dall’A6. Il tratto interessato alla frana è quello tra Torino e Savona, in direzione nord all’altezza del chilometro 122 nella zona di Altare. Sul posto sono giunti subito la polizia stradale, vigili del fuoco e soccorritori.

Qualche ora prima dell’accaduto, Giorgio Mulé, deputato di Forza Italia, aveva scritto su Twitter: “Esprimo profonda vicinanza alle popolazioni liguri colpite dal maltempo in queste ore. Faremo di tutto in Parlamento per destinare le risorse necessarie ai territori flagellati dal dissesto e ai lavori di prevenzione come già fatto in passato. Forza!”.

Ecco il video dei Vigili del Fuoco:

Il Viadotto Madonna del Monte presente sulla Torino-Savona è stato abbattuto da una frana staccata dal monte trascinando il viadotto e l’impalcato autostradale. Sembra non vi siano stati macchine o camion coinvolti. E’ una tragedia e avrebbe potuto fare molti morti oltre i danni occorsi. A oggi sembra non ci siano complicazioni con persone.

L’A6 è stata acquistata dal Gruppo Gavio nel 2006. Il tracciato invece è della Concessionaria Autofiori, titolare della tratta tra Savona e Ventimiglia. Ad oggi con ciò che è successo ai ponti, forse bisognerebbe guardare con molta più attenzione da parte
delle Istituzioni. Sappiamo che Toninelli, quando era ministro, aveva prestato molta attenzione ed aveva segnalato alle Istituzioni locali. Speriamo che anche il Ministro attuale si muova cercando il più possibile di prevenire, senza se e senza ma.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.